Domanda di permesso di costruire - Comune di Venezia - Portale ...

23 downloads 244 Views 101KB Size Report
case mobili, imbarcazioni, che siano utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro, oppure ... Permesso di Costruire in deroga agli strumenti urbanistici vigenti.

Modello A/0 da compilarsi a cura del richiedente

COMUNE DI VENEZIA

Marca da bollo € 16,00

DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE ai sensi dell’art. 3, comma 1, lettere d) e) f), dell’art. 10 e dell’art. 22, comma 3, del D.P.R. 380/2001 (Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia Edilizia) come modificato dal D.lgs 301/2002, L. 12/07/2011 n° 106 e successive modificazioni e integrazioni. su aree vincolate ai sensi degli artt. 134 e 142 del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 (già L. 1497/1939), per cui si allega istanza di Autorizzazione Paesaggistica, vedi sezione “Altra documentazione”. In Variante

in Rinnovo art. 15 D.P.R. 380/2001

In Sanatoria art. 36 D.P.R. 380/2001

In Sanatoria art. 37 D.P.R. 380/2001

ALLO SPORTELLO PER L’EDILIZIA

RISERVATO ALL’UFFICIO Protocollo generale:

Note:

Responsabile procedimento

Esito POSITIVO

Responsabile istruttoria NEGATIVO

DA COMPILARE NEL CASO DI PERSONA FISICA (dichiarazione sostitutiva di notorietà ai sensi del DPR n. 445/2000 - allegare fotocopia documento d’identità del dichiarante)

Il/La sottoscritto/a (nel caso i richiedenti fossero più d’uno allegare i dati relativi in foglio a parte) Cognome e nome ______________________________________________________________________ Nato/a a

_______________________________________

Cod. fiscale Residente in

_

_

_

_

_

_

_

_

Prov. __ _

____________________________________________

_

_

il _

__/__/____ _

Prov. __

Via ___________________________________________________________________ Tel. ____/_______

Fax ____/_______

permesso_costruire_propr.rtf Data ultima stampa 18/10/2014 14.00.00

_

_

_

C.A.P. ________ n. ____

e-mail _______________________________________

P.E.C.

Pagina 1 di 7

DA COMPILARE NEL CASO DI PERSONE GIURIDICHE (DITTE / ENTI / SOCIETA’ / ECC.) (dichiarazione sostitutiva di notorietà ai sensi del DPR n. 445/2000 - allegare fotocopia documento d’identità del legale rappresentante)

Denominazione e ragione sociale ___________________________________________________________ Con sede in __________________________________________

Prov. __

C.A.P. ________

Via ___________________________________________________________________ Tel. ____/_______

Fax ____/_______

n. ____

e-mail _______________________________________

Cod. fiscale

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

p. I.V.A

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

P.E.C.

_

Legale rappresentante: cognome e nome _____________________________________________________ Nato/a a

________________________________________________

Cod. fiscale

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

Residente in ______________________________________________

Prov. __ _

_

_

Prov. __

Via ____________________________________________________________________ Tel. ____/_______

Fax ____/_______

_

Il __/__/____ _

_

C.A.P. ________ n. ____

e-mail _______________________________________

P.E.C.

IN QUALITA’ DI Proprietario o titolare di altro diritto reale o diritto personale (Specificare) ________________________________ compatibile con l’intervento da realizzare, ai sensi dell’ art. 11 del D.P.R. 380/2001. DELL’IMMOBILE SITO IN Comune ____________________________________________________________________ Via _____________________________________________________ Sezione ____________ Con destinazione d’uso

Foglio __

n.

____

Prov. __ Piano __________

Mappale __________________ Subalterno __________________

______________________________________________________________________

consapevole delle sanzioni penali previste in caso di dichiarazioni mendaci, formazione o uso di atti falsi, ai sensi dell’ art. 76 del DPR 445/2000

PRESENTA a norma della vigente legislazione in materia urbanistica ed edilizia, domanda di PERMESSO DI COSTRUIRE per l’esecuzione di opere, RELATIVE AD EDIFICI CON DESTINAZIONE ______________________, rientranti nella seguente tipologia di intervento: Art. 3.1 lettera d) del D.P.R. 380/2001 e succ. mod. ed int. Interventi di ristrutturazione edilizia, gli interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente. Tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell'edificio, l’eliminazione, la modifica e l'inserimento di nuovi elementi ed impianti. Nell’ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi anche quelli consistenti nella demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria e sagoma di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l'adeguamento alla normativa antisismica; Art. 3.1 lettera e) del D.P.R. 380/2001 e succ. mod. ed int. Interventi di nuova costruzione. Art. 3.1 lettera e.1) del D.P.R. 380/2001 e succ. mod. ed int. Costruzione di manufatti edilizi fuori terra o interrati, ovvero l’ampliamento di quelli esistenti all’esterno della sagoma esistente, fermo restando, per gli interventi pertinenziali, quanto previsto alla lettera e.6) Art. 3.1 lettera e.2) del D.P.R. 380/2001 e succ. mod. ed int. Interventi di urbanizzazione primaria e secondaria realizzati da soggetti diversi dal comune. Art. 3.1 lettera e.3) del D.P.R. 380/2001 e succ. mod. ed int. la realizzazione di infrastrutture e di impianti, anche per pubblici servizi, che comporti la trasformazione in via permanente di suolo inedificato; permesso_costruire_propr.rtf Data ultima stampa 18/10/2014 14.00.00

Pagina 2 di 7

Art. 3.1 lettera e.5) del D.P.R. 380/2001 e succ. mod. ed int. l’installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere, quali roulotte, camper, case mobili, imbarcazioni, che siano utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro, oppure come depositi, magazzini e simili, e che non siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee; Art. 3.1 lettera e.6) del D.P.R. 380/2001 e succ. mod. ed int. gli interventi pertinenziali che le norme tecniche degli strumenti urbanistici, in relazione alla zonizzazione e al pregio ambientale e paesaggistico delle aree, qualifichino come interventi di nuova costruzione, ovvero che comportino la realizzazione di un volume superiore al 20% del volume dell’edificio principale. Art. 3.1 lettera e.7) del D.P.R. 380/2001 e succ. mod. ed int. realizzazione di depositi di merci o di materiali, la realizzazione di impianti per attività produttive all'aperto ove comportino l'esecuzione di lavori cui consegua la trasformazione permanente del suolo inedificato; Art. 3.1 lettera f) del D.P.R. 380/2001 interventi di ristrutturazione urbanistica, quelli rivolti a sostituire l'esistente tessuto urbanistico-edilizio con altro diverso, mediante un insieme sistematico di interventi edilizi, anche con la modificazione del disegno dei lotti, degli isolati e della rete stradale. Art. 7 L. R. 16/2007 interventi finalizzati alla eliminazione delle barriere architettoniche di cui all’art. 7 della L. R. 12/07/2007 n° 16 (pubblicata sul B.U.R. n° 63 del 17/07/2007 della Regione del Veneto) e del. G. R. n° 509 del 02/03/2010; Art. 10 L. R. 16/2007 realizzazione di incrementi volumetrici o di superficie utile abitabile, per soggetti con attestazione da parte dell'azienda ULSS, di situazione di handicap grave, ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge n. 104/1992, o equivalente certificazione medica ai sensi del comma 3 dell'articolo 94 della legge 27 dicembre 2002, n. 289. Art. 14 del D.P.R. 380/01 e succ. mod. ed int. Permesso di Costruire in deroga agli strumenti urbanistici vigenti. Interventi assoggettati dal D.P.R. 380/2001 e succ. mod. ed int. a D.I.A. per i quali è facoltà del proprietario o avente titolo richiedere al posto della D.I.A. il permesso di costruire. Interventi ai sensi della L. R. 13/2011, sostegno del settore edilizio e per favorire l’utilizzo dell’edilizia sostenibile.

DICHIARA INOLTRE che le opere sopra citate riguardano immobile realizzato/modificato anteriormente alla vigenza della L. numero 1150 del 17/08/1942, e non più modificate ________________________________________ che le opere sopra citate riguardano immobile realizzato/modificato in conformità alla: Licenza/Concessione/Autorizzazione edilizia n. _______________ rilasciata il __/__/____ alla Denuncia di Inizio Attività / S.C.I.A. / C.I.A. prot. _______________ presentata in data __/__/____ al Condono Edilizio (L. 47/1985, L. 724/1994, L. 326/2003) n _______________ rilasciato il __/__/____ Permesso di Costruire n _______________ rilasciato il __/__/____ che le opere sopra citate riguardano immobile interessato da domanda di condono edilizio presentata in data __/__/____, prot. __________ non ancora rilasciato, per il quale è stata versata l’oblazione, prodotta la documentazione prescritta dalla L. 47/1985, L. 724/1994, L. 326/2003 e non sussistono le esclusioni di cui agli art.32 e 33 della legge 47/1985 (area sottoposta a vincoli); pertanto sulla domanda di condono si è formalizzato il silenzio assenso che le opere sopra citate riguardano immobile interessato da domanda di condono edilizio presentata in data __/__/____, prot. __________ non ancora rilasciato, ma non modificano, né riguardano l’oggetto della domanda di condono. Inoltre: Non risultano in corso procedimenti sanzionatori previsti dal D.P.R. 380/2001. Risultano in corso procedimenti sanzionatori previsti dal D.P.R. 380/2001, come da verbale prot. _________ del __/__/____. Che: IL PROGETTISTA DELL’INTERVENTO È Cognome e nome

______________________________________________________________________

Iscritto al Collegio/Ordine dei/degli Nato/a a

_______________

Della provincia di

__

Numero

__________________________________________________________________

Cod. fiscale / p. iva

_

permesso_costruire_propr.rtf Data ultima stampa 18/10/2014 14.00.00

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

______

Il __/__/____ _

_

_ Pagina 3 di 7

Con studio in

___________________

Tel. ____/_______

Via __________________________________________

Fax ____/_______

IL DIRETTORE DEI LAVORI È Cognome e nome

e-mail _______________________________________

_________________________________________________________________________ _______________

Della provincia di

Cod. fiscale / p. iva

_

_

_

_

_

___________________

Tel. ____/_______

_

_

Numero

Fax ____/_______

Denominazione della Ditta

_

_

_

_

_

Il __/__/____

_

_

_

_ n ___

e-mail _______________________________________

P.E.C.

(da comunicarsi comunque prima dell’inizio lavori)

_________________________________________________________________

Con sede in __________________________________________

Prov. __

C.A.P. ________

___________________________________________________________________

Tel. ____/_______

______

Via ____________________________________________

L’IMPRESA ESECUTRICE DELLE OPERE È

Via

__

__________________________________________________________________

Con studio in

P.E.C.

(da comunicarsi comunque prima dell’inizio lavori)

Iscritto al Collegio/Ordine dei/degli Nato/a a

n ___

Fax ____/_______

n. ____

e-mail ____________________________________________

Cod. fiscale

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

p. I.V.A

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

Legale rappresentante: cognome e nome _____________________________________________________ Nato/a a

________________________________________________

Cod. fiscale

_

_

_

_

_

_

_

_

_

_

Residente in ______________________________________________ Via

Prov. __ _

_

_

_

Prov. __

_

Fax ____/_______

_

C.A.P. ________

____________________________________________________________________

Tel. ____/_______

Il __/__/____

n. ____

e-mail _______________________________________

P.E.C.

IL RESPONSABILE DELLA SICUREZZA AI SENSI DEL D.LGS. 494/1996 E’ (da comunicarsi comunque prima dell’inizio lavori) Cognome e nome _________________________________________________________________________ Iscritto al Collegio/Ordine dei/degli Nato/a a

_______________

Della provincia di

__

Numero

__________________________________________________________________

Cod. fiscale / p. iva Con studio in

_

_

_

_

___________________

Tel. ____/_______

Fax ____/_______

_

_

_

_

_

_

_

_

_

______

Il __/__/____ _

_

Via ___________________________________________ e-mail _______________________________________

_ n ___ P.E.C.

Dichiara inoltre di essere a conoscenza degli obblighi di cui all’articolo 45, comma 1, del D. Lgs. Numero 152/1999 e successive modificazioni, relativo agli scarichi di acque domestiche reflue in ricettori diversi dalla rete fognaria comunale, nonché dei divieti di cui all’articolo 29 del sopraindicato decreto. Con la presente sottoscrizione si autorizza il Comune di Venezia ad utilizzare, secondo le modalità e nei limiti previsti dalla normativa vigente in materia, i numeri di fax e/o gli indirizzi e-mail forniti per le comunicazioni tra Comune medesimo, richiedente e professionista incaricato. L'Amministrazione Comunale informa, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 196/2003, che: Il trattamento dei dati conferiti con dichiarazioni / richieste è finalizzato allo sviluppo del relativo procedimento amministrativo ed alle attività ad esso correlate; Il conferimento dei dati è obbligatorio per il corretto sviluppo dell'istruttoria e degli altri adempimenti; Il mancato conferimento di alcuni o di tutti i dati richiesti comporta l'interruzione / l'annullamento dei procedimenti amministrativi; In relazione al procedimento ed alle attività correlate, il Comune può comunicare i dati acquisiti con le dichiarazioni / richieste ad altri soggetti pubblici al fine dello svolgimento delle funzioni istituzionali. Il dichiarante può esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del D.Lgs. 196/2003, ovvero la modifica, l'aggiornamento e la cancellazione dei dati qualora estranei allo sviluppo dei procedimenti amministrativi; Titolare della banca dati è il Comune di Venezia; i responsabili del trattamento dei dati sono i Direttori responsabili dei Settori interessati.

permesso_costruire_propr.rtf Data ultima stampa 18/10/2014 14.00.00

Pagina 4 di 7

Data __/__/____ FIRMA DEL DICHIARANTE (In caso i dichiaranti fossero più d’uno la presente va sottoscritta da tutti)

______________________________________________

IL PROGETTISTA _________________________________ (timbro e firma)

IL DIRETTORE DEI LAVORI _______________________ (timbro e firma) L’ ESECUTORE DEI LAVORI ______________________ (timbro e firma) IL RESPONSABILE DELLA SICUREZZA_____________ (timbro e firma)

ALLEGA ALLA DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (barrare le caselle della documentazione prodotta, necessaria in base alla tipologia di intervento)

Modello A/1, compilato a cura del progettista incaricato. Fotocopia del documento di identità del dichiarante (per la dichiarazione sostitutiva di notorietà di cui alla domanda). Documento registrato attestante la proprietà o titolo di godimento dell’immobile se si rende opportuna la specificazione catastale dell’intervento. (se in variante a un progetto rilasciato e non sono intervenute modifiche alla proprietà, non è necessario) Estratto di mappa con evidenziata l’area oggetto di intervento (per la terraferma va fatto riferimento al catasto terreni); nella planimetria dovrà essere indicata con campitura in colore, trasparente ma indelebile, il lotto di pertinenza con gli edifici che risulteranno sul lotto al termine dei lavori, applicando agli stessi gli indici del piano regolatore. Estratto di P.R.G. e/o piano attuativo con l’esatta ubicazione del lotto o immobile oggetto dell’intervento. Planimetria/e quotata/e d’insieme (scala 1:200 o superiore) con l’indicazione di: Dimensioni del lotto oggetto di intervento; Punti cardinali; Strade con la relativa toponomastica e ampiezza (la planimetria dovrà essere estesa fino a comprendere la viabilità pubblica); Posizione e sagome dei fabbricati esistenti (interni ed esterni al lotto o immobile) e in progetto con precisate tutte le altezze e le eventuali pareti cieche; Quote altimetriche, esistenti e di progetto, del terreno e degli spazi esterni al fabbricato riferite alla quota zero; distacchi del fabbricato in progetto dalla sede stradale, dai confini e dagli edifici circostanti (qualora il lotto sia interessato da diverse zone territoriali omogenee dovrà anche essere indicata la distanza dal limite di zona); Eventuali alberature esistenti con l’indicazione delle relative essenze; Le aree a parcheggio pubblico e privato; La sagoma di eventuali parcheggi o accessori interrati; Le superfici permeabili e drenanti; Il trattamento di massima del suolo non edificato all’interno del lotto; Le principali urbanizzazioni esistenti (strade, marciapiedi, fognatura, rete illuminazione), ove necessario; La posizione della recinzione in progetto o esistente. L’ubicazione dei passi carrai e degli ingressi pedonali; Rilievo quotato degli edifici esistenti nel lotto oggetto di intervento con indicazione delle altezze e delle destinazioni d’uso (scala 1:200 o superiore a seconda delle dimensioni del lotto); Elaborati con dimostrazione grafica di tutti i calcoli planivolumetrici (che dovranno essere riportati sulle tavole) per la verifica della conformità con gli indici di P.R.G. e della eventuale variante; Piante dei vari piani (scala 1:100 o superiore e almeno una tavola in scala 1:50) con l’indicazione delle quote planimetriche e altimetriche. In tutte le piante dovranno essere altresì indicate le linee di sezione, le superfici e la destinazione dei diversi locali, la superficie aeroilluminante con la verifica di quanto previsto dalle norme e regolamenti vigenti, le diverse unità immobiliari; Sezioni (scala 1:100 o superiore e almeno una tavola in scala 1:50) trasversali e longitudinali per ciascun corpo di fabbrica collocate in punti significativi con la vuotatura delle altezze nette dei singoli piani, dello spessore dei solai, permesso_costruire_propr.rtf Data ultima stampa 18/10/2014 14.00.00

Pagina 5 di 7

degli sporti delle parti aggettanti, dei colmi delle parti al di sopra delle linee di gronda e delle altezze necessarie per la verifica degli indici urbanistico-edilizi; Prospetti dell’opera progettata (scala 1:100 o superiore e almeno una tavola in scala 1:50) completi di riferimento agli edifici circostanti, al terreno e alle sue eventuali modifiche. Nei prospetti dovrà essere rappresentata anche la situazione altimetrica dell’andamento del terreno di progetto. Qualora l’edificio sia aderente ad altri fabbricati, i disegni dei prospetti dovranno comprendere anche quelli delle facciate aderenti, con l’indicazione di tutti i materiali impiegati, loro trattamento e colore (nel caso di opere che interessino porzione di edifici in linea o a cortina, sarà sufficiente la rappresentazione di parte dei prospetti adiacenti, tracciata a semplice contorno, integrata da documentazione fotografica che comprenda le facciate laterali a quella di intervento); Tavola parametrica di confronto delle piante, dei prospetti e delle sezioni con evidenziati gli interventi mediante idonea colorazione (giallo per le demolizioni e rosso per le costruzioni), in caso di varianti o modifiche a fabbricati esistenti;

Copia completa dell’approvazione o attestazione del progetto di adeguamento dell’impianto fognario aggiornata e congruente con l’intervento edilizio previsto sul distributivo interno. Documentazione riguardante l’adeguamento fognario o l’attestazione per invarianza di carico, redatta secondo la modulistica richiesta dall’Ufficio Tutela delle Acque in base al corpo ricettore finale delle acque reflue da trattare. (http://www.comune.venezia.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/28972) Planimetria (scala 1:200 o superiore) con indicate tutte le opere di urbanizzazione in progetto (strade, marciapiedi, fognatura, illuminazione, acqua, metano) e relativo computo metrico estimativo; Assonometria in scala adeguata qualora per la complessità dell’intervento si richieda una visione d’insieme del/i fabbricato/i in progetto; Prospetti e sezione della recinzione; Piante dell’intervento in progetto con dimostrazione del soddisfacimento delle prescrizioni vigenti in materia di abbattimento delle barriere architettoniche e dichiarazione del professionista abilitato che attesti la conformità del progetto alle disposizioni normative stesse; Ulteriore documentazione nel caso di interventi su edifici di valore storico o testimoniale e loro pertinenze, con particolare riferimento ai centri storici: Per le piante: indicazione delle orditure dei solai, dei tipi di pavimentazione e degli elementi di finitura tipologici quali gradini, soglie e simili, nonché del tipo di materiale; Per i prospetti: indicazione delle strutture murarie e degli elementi di finitura quali rivestimenti, davanzali, infissi, ringhiere e simili, nonché dei relativi materiali e colori; Per gli spazi scoperti: indicazione delle pavimentazioni, degli elementi di delimitazione perimetrale, di divisione interna, di arredo e/o di servizio, nonché dei materiali e dei colori, oltre che della eventuale sistemazione a verde proposta nel rispetto delle norme previste dal regolamento del verde; Per gli spazi scoperti: indicazione delle pavimentazioni, degli elementi di delimitazione perimetrale, di divisione interna, di arredo e/o di servizio, nonché dei materiali e dei colori, oltre che della eventuale sistemazione a verde proposta nel rispetto delle norme previste dal regolamento del verde; Rilievi in scala adeguata all’oggetto, di norma 1:20, dei particolari architettonici, costruttivi e decorativi, quali cornici, cornicioni, stemmi, capitelli, elementi in legno o in ferro e, per gli spazi esterni, portoni, esedre, fontane, scale e simili, alberature, con l’indicazione delle caratteristiche esecutive e di consistenza, nonché dei materiali e dei colori; Altra documentazione: Relazione descrittiva dell’intervento. Nel caso di edifici storici o testimoniali la relazione dovrà descrivere, con riferimento ai grafici presentati, le caratteristiche dell’impianto originario del fabbricato e le dinamiche evolutive che hanno portato alla situazione esistente, con eventuale corredo di disegni e documenti storici, nonché, per quanto riguarda il progetto di trasformazione, le metodologie e tecniche di intervento e uso dei materiali; Copia Autorizzazione della Sopraintendenza per i BB.AA.AA. per interventi su immobili notificati ai sensi degli artt. 10 11 – 12 e 13 del Dlgs 42/2004; Rilievo fotografico a colori formato minimo cm. 10X15 del fabbricato o dell’area di intervento e del suo contesto (escluso ristrutturazione interna) comprese le alberature esistenti, nonché planimetria generale con i punti di ripresa, in originale (più eventuali copie); Atto unilaterale d’obbligo per l’esecuzione delle opere di urbanizzazione in progetto, relativo computo metrico estimativo e relativa polizza fideiussoria; Copia eventuali convenzioni proprietà confinanti registrate e trascritte, nonché copia convenzioni eventualmente previste dalle norme vigenti; Nulla osta preventivo dei VV. FF. o dichiarazione sostitutiva di insussistenza all’obbligo del Certificato di prevenzione incendi. Progetti progetto esecutivo degli impianti, ai sensi dell’art. 11 del D.M. n. 37/2008, in duplice copia. Attestazione del versamento dei diritti sanitari intestato alla A.S.L. Dichiarazione ai sensi dell’art. 5 delle N.T.G.A. (come da modello pubblicato). Copia della determinazione dei punti fissi. Modello ISTAT debitamente compilato e firmato (solo per le nuove costruzioni e gli ampliamenti). Pareri già acquisiti dal richiedente ai sensi dell’art. 5 comma 3 del D.P.R. 380/01 e succ. mod. ed int, completi di elaborati allegati, debitamente vistati di: A.S.L., nel caso in cui non possa essere sostituito da un’autocertificazione ai sensi dell’art. 20, comma 1; Vigili del fuoco, ove necessario, in ordine al rispetto della normativa antincendio. permesso_costruire_propr.rtf Data ultima stampa 18/10/2014 14.00.00

Pagina 6 di 7

Autocertificazione relativa all’epoca dell’abuso-abusi e copia di valido documento di identità, nel caso di presentazione di domanda di sanatoria.

Modello “Domanda di autorizzazione Paesaggistica” in bollo, compilato con relativi allegati, scaricabile all’indirizzo “http://www.egov.comune.venezia.it/SUER/index.jsp” Modello “Domanda di accertamento di compatibilità paesaggistica” in bollo, compilato con relativi allegati, scaricabile all’indirizzo “http://www.egov.comune.venezia.it/SUER/index.jsp, nel caso di sanatoria su immobili vincolati ai sensi degli artt. 10, 11, 12 e 13 del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 (già L. 1089/39) e/o su aree vincolate ai sensi degli artt. 134 e 142 del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 (già L. 1497/39).” Relazione di compatibilità idraulica e relativi elaborati grafici redatti, da un professionista abilitato, in ottemperanza all’ordinanza n° 3 del 22/01/2008 (Bur n. 10 del 01/02/2008) del Commissario Delegato per Emergenza Concernente gli Eccezionali Eventi Metereologici del 26/09/2007; Certificazione medica rilasciata dall'azienda ULSS, attestante la situazione di handicap grave, ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge n. 104/1992, o equivalente certificazione medica ai sensi del comma 3 dell'articolo 94 della legge 27 dicembre 2002, n. 289 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato" (legge finanziaria 2003), già rilasciata o in attesa di rilascio, relativa alla persona ivi residente; Dettagliata relazione a firma di un progettista abilitato, accompagnata da idonea rappresentazione grafica dello stato di fatto, che attesti l'impossibilità tecnica di reperire spazi adeguati nell'ambito dell'edificio; Progetto del nuovo volume che evidenzi le soluzioni tecniche adottate per il conseguimento delle speciali finalità dell'intervento, nel rispetto della normativa vigente; Al titolo abilitativo edilizio formatosi all'esito della denuncia di inizio di attività dovrà essere prodotto a cura del titolare del permesso di un vincolo di durata decennale, da trascriversi presso la conservatoria dei registri immobiliari, di non variazione della destinazione d'uso, di non alienazione e non locazione a soggetti che non siano persone con disabilità. Autorizzazione allo scarico delle acque di emungimento di falda, rilasciata dal Concessionario Comunale Gestione Fognature o dalla Municipalità o dal Consorzio di Bonifica competente per territorio o comprensorio. Assenso da parte dei comproprietari dell’immobile o autocertificazione attestante l’esistenza di tale condizione; Relazione tecnica ed eventuali elaborati grafici redatti in conformità all’art. 79 bis della L. R. 61/1985, delibera G.R.V n° 2774 del 22/09/2009 e art. 57 del Vigente Regolamento Edilizio Comunale, relativi alle misure preventive e protettive da predisporre negli edifici per l’accesso, il transito e l’esecuzione dei lavori di manutenzione in quota in condizioni di sicurezza. Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà del tecnico competente in acustica, “Mod. VPCA codice 2 – Tecnico Competente” Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà del tecnico competente in acustica, “Mod. DPIA codice 2 – Tecnico Competente” Modello informativo dell’impianto fotovoltaico, di cui all’Allegato C 240102 DGRV 827 del 15/05/2012, debitamente compilato; Altro: ____________________________________________________________________________________ Gli elaborati di progetto e di rilievo, nonché la relazione tecnica, devono essere presentati in quadruplice copia, sottoscritti dai richiedenti e dal progettista. L'Amministrazione Comunale informa, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 196/2003, che: Il trattamento dei dati conferiti con dichiarazioni / richieste è finalizzato allo sviluppo del relativo procedimento amministrativo ed alle attività ad esso correlate; Il conferimento dei dati è obbligatorio per il corretto sviluppo dell'istruttoria e degli altri adempimenti; Il mancato conferimento di alcuni o di tutti i dati richiesti comporta l'interruzione / l'annullamento dei procedimenti amministrativi; In relazione al procedimento ed alle attività correlate, il Comune può comunicare i dati acquisiti con le dichiarazioni / richieste ad altri soggetti pubblici al fine dello svolgimento delle funzioni istituzionali. Il dichiarante può esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del D.Lgs. 196/2003, ovvero la modifica, l'aggiornamento e la cancellazione dei dati qualora estranei allo sviluppo dei procedimenti amministrativi; Titolare della banca dati è il Comune di Venezia; i responsabili del trattamento dei dati sono i Direttori responsabili dei Settori interessati.

Data __/__/____

FIRMA DEL DICHIARANTE (In caso i dichiaranti fossero più d’uno la presente va sottoscritta da tutti)

_______________________________________________

IL PROGETTISTA _________________________________ (timbro e firma) permesso_costruire_propr.rtf Data ultima stampa 18/10/2014 14.00.00

Pagina 7 di 7