relazione elettrico - Provincia di Livorno

18 downloads 275 Views 1MB Size Report
... 02-29404654. E-mail: [email protected] - Web: www.tei.it. P355/13 – R029/11-REV. 1. R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico generale.doc. 13.05.2011 ...

FUTURIS ETRUSCA S.R.L.

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) Relazione tecnica impianto elettrico generale

Via Squartini, 14 “Centro Work Service” – Ospedaletto (PI) Tel +39 050 9656106/Fax +39 050 3161443 E-mail: [email protected]

Via F. Hayez, 8 - 20129 Milano Tel 02-277115.1/Fax 02-29404654 E-mail: [email protected] - Web: www.tei.it

P355/13 – R029/11-REV.1 R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico generale.doc 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

INDICE 1

2

3

PREMESSA ............................................................................................................................. 7 1.1

OGGETTO ........................................................................................................................ 7

1.2

LIMITI DI PROGETTO ...................................................................................................... 7

NORMATIVA DI RIFERIMENTO ............................................................................................. 8 2.1

RIFERIMENTI LEGISLATIVI ............................................................................................. 8

2.2

RIFERIMENTI NORMATIVI............................................................................................... 9

LUOGHI E LORO DESTINAZIONE ....................................................................................... 14 3.1

INDIVIDUAZIONE DEGLI AMBIENTI .............................................................................. 14

3.2

CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI ........................................................................... 14

4

DESCRIZIONE GENERALE DELL'IMPIANTO ELETTRICO ................................................. 15

5

CRITERI DI PROGETTAZIONE E DIMENSIONAMENTO ..................................................... 17 5.1

NORME, STANDARDS E REGOLAMENTI ..................................................................... 17

5.2

CRITERI DI PROGETTAZIONE DI BASE ....................................................................... 17

5.3

CARATTERISTICHE DEI SISTEMI ELETTRICI .............................................................. 17

5.4

VARIAZIONE DI TENSIONE AMMESSA ........................................................................ 18

5.5

VARIAZIONE DI FREQUENZA AMMESSA..................................................................... 19

5.6

CONDIZIONI DI INSTALLAZIONE .................................................................................. 20

5.6.1

CLASSIFICAZIONE DELLE CONDIZIONI DI INSTALLAZIONE.................................................20

5.6.2

SCELTA DEL TIPO DI PROTEZIONE .........................................................................................20

5.6.3

MOTORI ELETTRICI ...................................................................................................................20

5.6.4

POTENZE CONVENZIONALI ......................................................................................................21

5.7

CAVI ELETTRICI ............................................................................................................ 21

5.7.1

6

2

DIMENSIONAMENTO DEI CAVI .................................................................................................21

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELLE MACCHINE ........................................................ 23 6.1

GENERATORE (G1) ....................................................................................................... 23

6.2

TRASFORMATORE MT/MT (T2) .................................................................................... 23

6.3

TRASFORMATORE MT/BT (T3) ..................................................................................... 24

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

7

6.4

TRASFORMATORE DI CABINA MT/BT (T0)................................................................... 24

6.5

GRUPPO DIESEL DI EMERGENZA (GE1) ..................................................................... 25

QUADRI E APPARECCHIATURE DI PROTEZIONE ............................................................. 26 7.1

ALTA TENSIONE ............................................................................................................ 26

7.1.1

7.2

APPARECCHIATURE DI ALTA TENSIONE ............................................................................... 26

MEDIA TENSIONE .......................................................................................................... 26

7.2.1

PROTEZIONE DEL GENERATORE ........................................................................................... 26

7.2.2

QUADRO DI COMANDO, CONTROLLO E PROTEZIONE ALTERNATORE G1 ....................... 27

7.2.3

IMPIANTI CON TENSIONE NOMINALE 10,5 KV ....................................................................... 27

7.2.4

IMPIANTI CON TENSIONE NOMINALE 20 KV .......................................................................... 27

7.3

BASSA TENSIONE ......................................................................................................... 28

7.3.1

IMPIANTI CON TENSIONE NOMINALE 690 V ........................................................................... 28

7.3.2

IMPIANTI CON TENSIONE NOMINALE 400 V ........................................................................... 29

7.3.3

QUADRI MCC .............................................................................................................................. 29

7.3.4

QUADRI DI DISTRIBUZIONE...................................................................................................... 30

8

CAVI ELETTRICI ................................................................................................................... 31

9

PROTEZIONI ......................................................................................................................... 32 9.1

PANNELLI PROTEZIONI GENERATORI ........................................................................ 32

9.2

PANNELLO PROTEZIONI DI INTERFACCIA CON TERNA ............................................ 32

10 CRITERI DI REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI ................................................................... 33 10.1 PRESCRIZIONI RIGUARDANTI I CIRCUITI.................................................................... 34 10.1.1 CAVI E CONDUTTORI PER LA DISTRIBUZIONE IN ALTA TENSIONE ................................... 34 10.1.2 CAVI E CONDUTTORI PER LA DISTRIBUZIONE IN MEDIA TENSIONE ................................. 35 10.1.3 CAVI E CONDUTTORI PER LA DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE ................................ 35

10.2 TUBI PROTETTIVI, CANALI E PASSERELLE ................................................................ 37 10.2.1 POSA DEI TUBI PROTETTIVI..................................................................................................... 37 10.2.1.1

Posa di tubi interrati ........................................................................................................... 38

10.2.1.2

Posa di tubi incassati nella struttura .................................................................................. 38

10.2.1.3

Posa di tubi in montaggio sporgente ................................................................................. 39

10.2.2 POSA DI CANALI E PASSERELLE ............................................................................................ 39

10.3 CASSETTE DI DERIVAZIONE ........................................................................................ 40 10.4 POSA INTERRATA DI CAVI ELETTRICI ISOLATI, CON GUAINA .................................. 41

P355/13 – R029/11 13.05.2011

3

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

10.5 PROTEZIONE CONTRO GLI EFFETTI TERMICI ........................................................... 42 10.6 SCELTA DEI COMPONENTI ELETTRICI ....................................................................... 42 10.7 SEZIONAMENTO E COMANDO ..................................................................................... 42 10.7.1 COMANDI DI EMERGENZA ........................................................................................................42 10.7.2 INTERRUTTORI DI COMANDO ..................................................................................................43

10.8 PROTEZIONE DA SOVRATENSIONI PER FULMINAZIONE INDIRETTA E DI MANOVRA ...................................................................................................................... 43 10.8.1 PROTEZIONE D'IMPIANTO ........................................................................................................43 10.8.2 PROTEZIONE D'UTENZA ...........................................................................................................43

10.9 IMPIANTO DI TERRA ..................................................................................................... 43 10.9.1 CRITERI DI PROGETTO DELL’IMPIANTO DI TERRA. ..............................................................43 10.9.2 DIMENSIONAMENTO DEI CONDUTTORI DI PROTEZIONE ....................................................45 10.9.3 DIMENSIONAMENTO DEI CONDUTTORI EQUIPOTENZIALI PRINCIPALI .............................45 10.9.4 DIMENSIONAMENTO DEI CONDUTTORI EQUIPOTENZIALI SUPPLEMENTARI ...................45

10.10 CONNESSIONE ALLA RETE TERNA ............................................................................. 46 10.11 DISTRIBUZIONE F.M. .................................................................................................... 46 10.12 DISTRIBUZIONE LUCE .................................................................................................. 47 10.13 ILLUMINAZIONE DI SICUREZZA E DI RISERVA ........................................................... 48 10.14 GRUPPO ELETTROGENO ............................................................................................. 49 10.15 SISTEMA DI CONTINUITÀ ASSOLUTO UPS ................................................................. 50 10.15.1 MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO ..............................................................................................50 10.15.2 NORMATIVE DI RIFERIMENTO .................................................................................................51

10.16 PULSANTIERE LOCALI .................................................................................................. 51 10.17 SISTEMA INTERFONO E RICERCA PERSONE ............................................................ 51 10.18 SISTEMA TELEFONICO ................................................................................................. 52 10.19 SISTEMA TELEVISIVO A CIRCUITO CHIUSO............................................................... 52 10.20 SISTEMA OROLOGI ....................................................................................................... 53 10.21 IMPIANTI PER IL SEZIONAMENTO DI EMERGENZA ................................................... 53 11 SISTEMA DI MISURE, CONTROLLO E SUPERVISIONE..................................................... 54 11.1 SOTTOSISTEMA DI MISURA ......................................................................................... 54 11.2 SOTTOSISTEMA DI CONTROLLO ................................................................................. 54

4

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

11.3 SOTTOSISTEMA DI SUPERVISIONE............................................................................. 55 11.3.1 CARATTERISTICHE PRINCIPALI .............................................................................................. 55 11.3.2 SINOTTICA E VISUALIZZAZIONI ............................................................................................... 56 11.3.3 STAMPE ...................................................................................................................................... 57

11.4 SOTTOSISTEMA DI COMUNICAZIONE ......................................................................... 57 11.5 SOTTOSISTEMA DI CONTROLLO DELLA RETE ELETTRICA ...................................... 57 12 CRITERI DI SICUREZZA ELETTRICA .................................................................................. 59 12.1 PROTEZIONE CONTRO LE TENSIONI DI CONTATTO DIRETTO ................................. 59 12.2 PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI .......................................................... 59 12.2.1 INTERRUZIONE AUTOMATICA DELL’ALIMENTAZIONE – DISTRIBUZIONE MT E AT .......... 59 12.2.2 INTERRUZIONE AUTOMATICA DELL’ALIMENTAZIONE – DISTRIBUZIONE BT .................... 60 12.2.3 PROTEZIONE MEDIANTE COMPONENTI ELETTRICI DI CLASSE II ...................................... 60 12.2.4 PROTEZIONE MEDIANTE SEPARAZIONE ELETTRICA .......................................................... 60

12.3 PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI ...................... 60 13 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DOVUTO AL FULMINE ........................................................ 62 13.1 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO .......................................................................... 62 13.2 INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE ......................................... 62 13.3 DATI INIZIALI .................................................................................................................. 62 13.3.1 DENSITÀ ANNUA DI FULMINI A TERRA ................................................................................... 62 13.3.2 DATI RELATIVI ALLA STRUTTURA ........................................................................................... 62 13.3.3 DATI RELATIVI ALLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE ............................................................. 63 13.3.4 DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE DELLE ZONE................................................................. 63

13.4 CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE................................................................................................. 63 13.5 VALUTAZIONE DEI RISCHI ............................................................................................ 64 13.5.1 RISCHIO R1: PERDITA DI VITE UMANE ................................................................................... 64 13.5.1.1

Calcolo del rischio R1 ........................................................................................................ 64

13.5.1.2

Analisi del rischio R1 ......................................................................................................... 64

13.6 SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE ................................................................... 65 13.7 CONCLUSIONI................................................................................................................ 68 13.8 APPENDICI ..................................................................................................................... 68 13.8.1 APPENDICE - CARATTERISTICHE DELLA STRUTTURA ........................................................ 68

P355/13 – R029/11 13.05.2011

5

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

13.8.2 APPENDICE - CARATTERISTICHE DELLE LINEE ELETTRICHE ............................................68 13.8.3 APPENDICE - CARATTERISTICHE DELLE ZONE ....................................................................69 13.8.4 APPENDICE - AREE DI RACCOLTA E NUMERO ANNUO DI EVENTI PERICOLOSI..............69 13.8.5 APPENDICE - VALORI DELLE PROBABILITÀ P PER LA STRUTTURA NON PROTETTA .....70

13.9 ALLEGATI ....................................................................................................................... 71 13.9.1 ALLEGATO 1 - DISEGNO DELLA STRUTTURA ........................................................................71 13.9.2 ALLEGATO 2 - AREA DI RACCOLTA AD ...................................................................................72 13.9.3 ALLEGATO 3 - AREA DI RACCOLTA AM ..................................................................................72

14 IMPIANTI ELETTRICI PROVVISORI DI CANTIERE ............................................................. 73 14.1 STRUTTURA GENERALE .............................................................................................. 73 14.2 CAVI E CONNESSIONI .................................................................................................. 73 14.3 SEZIONAMENTO E COMANDO ..................................................................................... 74 14.4 PRESE A SPINA ............................................................................................................. 74 14.5 QUADRI ELETTRICI ....................................................................................................... 74 14.6 IMPIANTO DI TERRA ..................................................................................................... 75 14.7 PROTEZIONE CONTRO I FULMINI ............................................................................... 75

TEI s.p.a è una società certificata

6

01

I Emissione

P. A. Cavallo

M. Colombo

P. Calderara

13.05.2011

Rev.

Oggetto

Redatto

Verificato

Approvato

Data

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

1

PREMESSA

1.1

OGGETTO

Il presente documento costituisce la relazione tecnica degli impianti elettrici e speciali della centrale a biomasse vergini che sarà realizzata nel comune di Piombino (PV). Il progetto di massima degli impianti elettrici è stato sviluppato in conformità con la Norma CEI 02 “Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici”. Secondo la suddetta norma, per progetto di massima si intende il livello di progetto che comprende gli elaborati contenenti i dati fondamentali per individuare l’impianto, nonché quelli che condizionano in modo determinante le sue caratteristiche e la sua fattibilità nella logica della “progettazione integrale”, cioè quella metodologia progettuale attraverso la quale si avvia un processo di integrazione tra i progetti di tutte le discipline coinvolte (es. edile, elettrico, di protezione contro i fulmini, termoidraulico). In particolare esso comprende: una relazione illustrativa, disegni o tabelle e, quando richiesto, il preventivo sommario delle spese determinato sulla base di costi unitari medi per analoghe categorie di lavori. Nel dettaglio, verranno di seguito riportati:  la descrizione dell’impianto al fine della sua identificazione;  i dati necessari per lo sviluppo del progetto;  i criteri di scelta delle soluzioni impiantistiche elettriche, anche in relazione alla protezione contro i contatti diretti, i contatti indiretti e contro le sovracorrenti;  i criteri di scelta e dimensionamento dei componenti principali;  i criteri di scelta dei requisiti di sicurezza degli impianti e componenti elettrici per i luoghi soggetti a normativa specifica. La documentazione che costituisce il presente progetto di massima potrà ovviamente essere utilizzata anche per lo sviluppo del progetto definitivo e di quello esecutivo, ma non potrà invece essere utilizzata per l’installazione dell’impianto, perché del tutto insufficiente. I sistemi elettrici sono progettati e dimensionati con lo scopo di ottenere la massima continuità di esercizio, assicurare La funzionalità dei servizi essenziali durante le situazioni di emergenza ed assicurare l’incolumità degli operatori.

1.2

LIMITI DI PROGETTO

Il presente progetto ha come limite di fornitura i terminali AT a 132 kW posti all’interno della Sottostazione elettrica ubicata in corrispondenza dell’accesso alla centrale. Nel progetto non rientra la distribuzione elettrica specifica a servizio degli impianti tecnologici, a partire dai quadri di bordo macchina, dei quali verrà fornita solo l’alimentazione elettrica.

P355/13 – R029/11 13.05.2011

7

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

2

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

2.1

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Gli impianti elettrici saranno realizzati in conformità a tutte le disposizioni di legge pertinenti vigenti alla data dell’ordine, comprese eventuali varianti complementari o integrazioni alle norme stesse. In particolare si rammenta: - DPR n° 689 del 26/05/59 “Determinazione delle aziende e lavorazioni soggette, ai fini della prevenzione degli incendi, al controllo del comando dei vigili del fuoco” - Legge n° 186 del 01/03/1968 “Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici” - Legge n° 791 del 18/10/1977 “Attuazione della direttiva CEE n°73/23 relativa a lle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere utilizzato entro alcuni limiti di tensione” - D.M. del 23/07/79 “Designazione degli organismi incaricati di rilasciare certificati e marchi ai sensi della Legge n° 791 del 1977” - DM 16/02/82 “ Modificazioni del decreto Ministeriale 27/9/65, concernente la determinazione delle attività soggette alla prevenzione incendi” - DM 30/11/83 “Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi” - Legge n. 818 del 07/12/1984 “Nullaosta provvisorio per le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi” - DM 08/03/85 “Direttive sulle misure più urgenti ed essenziali di prevenzione incendi ai fini del rilascio del nullaosta provvisorio di cui alla legge 7 dicembre 1984 n. 818” - D.M. n° 449 del 21 marzo 1988 “Approvazione delle norme tecniche per la progettazione, l’esecuzione e l’esercizio delle linee elettriche esterne”. - DPR n° 224 del 24/05/88 “Attuazione della direttiva CEE n. 85/ 374 relativa al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli stati membri in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi, ai sensi dell’art. 15 della legge 16 aprile 1987, n. 183” - Legge n° 9 del 9/01/91 “Norme per l’attuazione del nuovo Piano energetico nazionale: aspetti istituzionali, centrali idroelettriche ed elettrodotti, idrocarburi e geotermia, autoproduzione e disposizioni fiscali” - Legge n° 10 del 9/01/91 “Norme per l’attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell’energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia.” - D.M. 16 gennaio 1991 “Aggiornamento delle norme tecniche per la disciplina della costruzione e dell’esercizio di linee elettriche aeree esterne”. - D Lgs n° 493 del 14/08/1996 “Segnaletica di sicurezza e/o salute sul luogo di lavoro” - D. Lgs n° 615 del 12/11/1996 “Attuazione della direttiva 89/336/CEE del Consiglio del 30/05/1989 in materia di riavvicinamento delle legislazioni degli stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica, modificata ed integrata dalla direttiva 92/31/CEE del Consiglio del 28/04/1992, dalla direttiva 93/68/CEE del Consiglio del 22/07/1993 e dalla direttiva 93/97/CEE del Consiglio del 29/10/1993”

8

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

-

-

-

-

2.2

D. Lgs n° 626 del 25/11/1996 “Attuazione della direttiva 93/68/CEE in materia di marcatura CE del materiale elettrico destinato ad essere utilizzato entro taluni limiti di tensione” D. Lgs n° 227 del 31/07/97 “Modificazioni al decreto legislativo 25 novembre 1996 n. 626 recante attuazione della direttiva 93/68/CEE in materia di marcatura CE del materiale elettrico destinato ad essere utilizzato entro taluni limiti di tensione” Legge n° 36 del 22/02/01 “Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici”. DPCM 8 luglio 2003, “Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni ai campi elettrici e magnetici alla frequenza di rete (50 HZ) generati dagli elettrodotti” D.M. del 22/01/08 n. 37 “Regolamento concernente l’attuazione dell’articolo 11quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all’interno degli edifici” D. Lgs n° 81 del 09/04/08 “Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”

RIFERIMENTI NORMATIVI

Gli impianti elettrici oggetto di progetto saranno realizzati in conformità a tutte le disposizioni tecniche e normative pertinenti vigenti alla data dell’ordine, comprese eventuali varianti complementari o integrazioni alle norme stesse. In particolare si rammenta: Norma CEI 0-16 (Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica) Norma CEI 7-6 (Norme per il controllo della zincatura a caldo per immersione su elementi di materiale ferroso destinati a linee e impianti elettrici) Norma CEI 11-1 (Impianti elettrici con tensione superiore ad 1 kV in corrente alternata) Norma CEI 11-4 (Esecuzione delle linee elettriche aeree esterne) Norma CEI 11-17 (Impianti di produzione, trasporto e distribuzione di energia elettrica. –Linee in cavo) Guida CEI 11-20 (Impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria) Norma CEI 11-25 (Calcolo delle correnti di corto circuito nelle reti trifasi a corrente alternata) Norma CEI 11-26 (Correnti di cortocircuito - Calcolo degli effetti. Parte 1: definizioni e metodi di calcolo) Norma CEI 11-27 (Lavori su impianti elettrici) Norma CEI 11-28 (Guida d’applicazione per il calcolo delle correnti di cortocircuito nelle reti radiali a bassa tensione) Norma CEI 11-35 (Guida all’esecuzione delle cabine elettriche d’utente) Norma CEI 11-37 (Guida per l’esecuzione degli impianti di terra nei sistemi utilizzatori di energia alimentati a tensione maggiore di 1 kV) Norma CEI 11-48 (Esercizio degli impianti elettrici) Norma CEI 11-49 (Esercizio degli impianti elettrici (allegati nazionali)) Norma CEI 11-60 (Portata al limite termico delle linee elettriche aeree esterne con tensione maggiore di 100 kV)

P355/13 – R029/11 13.05.2011

9

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

Norma CEI 11-63 (Cabine Primarie) Norma CEI 14-4 (Trasformatori di potenza) Norma CEI 14-12 (Trasformatori trifase di distribuzione di tipo a secco 50 Hz, da 100 kVA a 2500 kVA, con una tensione massima per il componente non superiore a 36 kV. Parte 1: Prescrizioni generali e prescrizioni per trasformatori con una tensione massima per il componente non superiore a 24 kV) Norma CEI 14-15 (Trasformatori di potenza. Parte 7: Guida di carico per trasformatori immersi in olio) Norma CEI 14-33 (Trasformatori di potenza. Parte 13: Trasformatori auto-protetti a riempimento di liquido) Norma CEI 17-1 (Apparecchiatura ad alta tensione. Parte 100: Interruttori a corrente alternata ad alta tensione) Norma CEI 17-5 (Apparecchiature a bassa tensione. Parte 2: Interruttori automatici) Norma CEI 17-6 (Apparecchiatura ad alta tensione. Parte 200: Apparecchiatura prefabbricata con involucro metallico per tensioni da 1 kV a 52 kV) Norma CEI 17-9/1 (Interruttori di manovra e interruttori di manovra-sezionatori per alta tensione. Parte 1: interruttori di manovra e interruttori di manovra-sezionatori per tensioni nominali superiori a 1 kV e inferiori a 52 kV) Norma CEI 17-9/2 (Interruttori di manovra e interruttori di manovra-sezionatori per alta tensione. Parte 2: interruttori di manovra e interruttori di manovra-sezionatori per tensioni nominali uguali o superiori a 52 kV) Norma CEI 17-11 (Apparecchiatura a bassa tensione. Parte 3: Interruttori di manovra, sezionatori, interruttori di manovra-sezionatori e unità combinate con fusibili) Norma CEI 17-13/1 (Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri BT). Parte 1: Apparecchiature soggette a prove di tipo (AS) e apparecchiature parzialmente soggette a prove di tipo (ANS)) Norma CEI 17-13/2 (Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri elettrici per bassa tensione). Parte 2: Prescrizioni particolari per i condotti sbarre) Norma CEI 17-13/3 (Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri BT). Parte 3: Prescrizioni particolari per apparecchiature assiemate di protezione e di manovra destinate ad essere installate in luoghi dove personale non addestrato ha accesso al loro uso. Quadri di distribuzione (ASD)) Norma CEI 17-15 (Apparecchiatura ad alta tensione. Parte 203: Apparecchiatura di manovra con involucro metallico con isolamento in gas per tensioni nominali superiori a 52 kV) Norma CEI 17-21 (Prescrizioni comuni per l’apparecchiatura di manovra e di comando ad alta tensione) Norma CEI 17-44 (Apparecchiature a bassa tensione. Parte 1: Regole generali) Norma CEI 17-50 (Apparecchiature a bassa tensione. Parte 4-1: Contattori e avviatori Contattori e avviatori elettromeccanici) Norma CEI 17-83 (Apparecchiatura ad alta tensione. Parte 102: Sezionatori e sezionatori di terra a corrente alternata) Norma CEI 17-88 (Apparecchiatura ad alta tensione. Parte 105: Interruttori di manovra e interruttori di manovra-sezionatori combinati con fusibili per corrente alternata) Norma CEI 17-95 (Apparecchiatura ad alta tensione. Parte 110: Manovra di carichi induttivi) Norma CEI 17-96 (Apparecchiatura ad alta tensione. Parte 108: Interruttori-sezionatori a corrente alternata ad alta tensione per tensioni nominali uguali o superiori a 72,5 kV)

10

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

Norma CEI 17-100 (Apparecchiatura ad alta tensione. Parte 201: Apparecchiatura prefabbricata con involucro isolante per tensioni da 1 kV a 52 kV) Norma CEI 20-13 (Cavi con isolamento estruso in gomma per tensioni nominali da 1 a 30 kV). Norma CEI 20-14 (Cavi isolati con polivinilcloruro per tensioni nominali da 1 kV a 3 kV). Norma CEI 20-19 (Cavi con isolamento reticolato con tensione nominale non superiore a 450/750 V). Norma CEI 20-20 (Cavi con isolamento termoplastico con tensione nominale non superiore a 450/750 V). Norma CEI 20-21 (Cavi elettrici - Calcolo della portata di corrente). Norma CEI 20-22 (Prove d’incendio su cavi elettrici). Norma CEI 20-34 (Metodi di prova per materiali isolanti e di guaina dei cavi elettrici). Norma CEI 20-35 (Prove su cavi elettrici e ottici in condizioni d’incendio. Parte 1-1: Prova per la propagazione verticale della fiamma su un singolo conduttore o cavo isolato). Norma CEI 20-36 (Prove di resistenza al fuoco per cavi elettrici in condizioni di incendio Integrità del circuit). Norma CEI 20-40 (Guida per l’uso di cavi a bassa tensione). Norma CEI 20-61 (Metodi di prova per accessori per cavi di energia con tensione nominale da 3,6/6 (7,2) kV a 20,8/36 (42) kV inclusa) Norma CEI 20-62/1 (Requisiti di prova degli accessori per cavi di energia con tensione nominale da 3,6/6 (7,2) kV a 20,8/36 (42) kV. Parte 1: Cavi con isolante estruso) Norma CEI 20-66 (Cavi energia con isolamento estruso e loro accessori per tensioni nominali superiori a 36 kV (Um = 42 kV) fino a 150 kV (Um = 170 kV)) Norma CEI 32-3 (Fusibili a tensione superiore a 1000 V. Parte 1: Fusibili limitatori di corrente) Norma CEI 23-3 (Interruttori automatici per la protezione dalle sovracorrenti per impianti domestici e similari). Norma CEI 23-9 (Apparecchi di comando non automatici per installazione elettrica fissa per uso domestico e similare). Norma CEI 23-12 (Spine e prese per uso industriale). Norma CEI 23-19 (Canali portacavi in materiale plastico e loro accessori ad uso battiscopa). Norma CEI 23-20 (Dispositivi di connessione per circuiti a bassa tensione per usi domestici e similari. Parte 1: Prescrizioni generali). Norma CEI 23-21 (Dispositivi di connessione per circuiti a bassa tensione per usi domestici e similari. Parte 2-1: Prescrizioni particolari per dispositivi di connessione come parti separate con unità di serraggio di tipo a vite). Norma CEI 23-26 (Tubi per installazioni elettriche - Diametri esterni dei tubi per installazioni elettriche e filettature per tubi e accessori). Norma CEI 23-31 (Sistemi di canali metallici e loro accessori ad uso portacavi e portapparecchi). Norma CEI 23-32 (Sistemi di canali di materiale plastico isolante e loro accessori ad uso portacavi e portapparecchi per soffitto e parete). Norma CEI 23-34 (Spine non smontabili bipolari 2,5 A 250 V, con cavo, per il collegamento degli apparecchi di Classe II per usi domestici e similari). Norma CEI 23-39 (Sistemi di tubi ed accessori per installazioni elettriche. Parte 1: Prescrizioni generali).

P355/13 – R029/11 13.05.2011

11

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

Norma CEI 23-40 (Dispositivi di connessione per circuiti a bassa tensione per usi domestici e similari. Parte 2-2: Prescrizioni particolari per dispositivi di connessione come parti separate con unità di serraggio senza vite). Norma CEI 23-41 (Dispositivi di connessione - Conduttori elettrici in rame - Prescrizioni di sicurezza per unità di serraggio a vite e senza vite). Norma CEI 23-42 (Interruttori differenziali senza sganciatori di sovracorrente incorporati per installazioni domestiche e similari. Parte 1: Prescrizioni generali). Norma CEI 23-43 (Interruttori differenziali senza sganciatori di sovracorrente incorporati per installazioni domestiche e similari. Parte 2-1: Applicabilità delle prescrizioni generali agli interruttori differenziali con funzionamento indipendente dalla tensione di rete). Norma CEI 23-44 (Interruttori differenziali con sganciatori di sovracorrente incorporati per installazioni domestiche e similari. Parte 1: Prescrizioni generali). Norma CEI 23-46 (Sistemi di canalizzazione per cavi. Sistemi di tubi. Parte 2-4: Prescrizioni particolari per sistemi di tubi interrati). Norma CEI 23-48 (Scatole e involucri per apparecchi elettrici per installazioni elettriche fisse per usi domestici e similari. Parte 1: Prescrizioni generali). Norma CEI 23-50 (Spine e prese per usi domestici e similari). Norma CEI 23-51 (Prescrizioni per la realizzazione, le verifiche e le prove dei quadri di distribuzione per installazioni fisse per uso domestico e similare). Norma CEI 23-58 (Sistemi di canali e di condotti per installazioni elettriche. Parte 1: Prescrizioni generali). Norma CEI 23-81 (Sistemi di tubi ed accessori per installazioni elettriche. Parte 21: Prescrizioni particolari per sistemi di tubi rigidi e accessori). Norma CEI 23-82 (Sistemi di tubi ed accessori per installazioni elettriche. Parte 22: Prescrizioni particolari per sistemi di tubi pieghevoli e accessori). Norma CEI 23-83 (Sistemi di tubi ed accessori per installazioni elettriche. Parte 23: Prescrizioni particolari per sistemi di tubi flessibili e accessori). Norma CEI 32-1 (Fusibili a tensione non superiore a 1.000 V per corrente alternata e a 1.500 V per corrente continua. Parte 1: Prescrizioni generali). Norma CEI 32-12 (fusibili per bassa tensione. Parte 2: Prescrizioni supplementari per fusibili utilizzati da persone qualificate (fusibili principalmente per applicazioni industriali) - Esempi di fusibili normalizzati A-I). Norma CEI 33-8 (Condensatori statici di rifasamento di tipo non autorigenerabile per impianti di energia a corrente alternata con tensione nominale inferiore o uguale a 1000V. Parte 1: Generalità - Prestazioni, prove e valori nominali - Prescrizioni di sicurezza. Guida per l’installazione e l’esercizio). Norma CEI 34-21 (Apparecchi di illuminazione. Parte 1: Prescrizioni generali e prove). Norma CEI 34-22 (Apparecchi di illuminazione. Parte 2-22: Prescrizioni particolari. Apparecchi di emergenza). Norma CEI 34-23 (Apparecchi di illuminazione. Parte II: Prescrizioni particolari. Apparecchi fissi per uso generale). Norma CEI 34-24 (Lampade a vapori di sodio ad alta pressione). Norma CEI 34-30 (Apparecchi di illuminazione. Parte 2: Prescrizioni particolari. Sezione 5: Proiettori). Norma CEI 38-1 (Trasformatori di misura . Parte 1: Trasformatori di corrente) Norma CEI 38-2 (Trasformatori di misura. Parte 2: Trasformartori di tensione induttivi) Norma CEI 64-7 (Impianti elettrici di illuminazione pubblica).

12

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

Norma CEI 64-8 (Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V c.a. e a 1500 V cc.). Norma CEI 70-1 (Gradi di protezione degli involucri). Norma CEI 79-3 (Impianti antieffrazione, antiintrusione, antifurto e antiaggressione. Norme particolari per gli impianti antieffrazione e antiintrusione) Norma CEI 81-10/1 (Protezione contro i fulmini. Parte 1: Principi generali) Norma CEI 81-10/2 (Protezione contro i fulmini. Parte 2: Valutazione del rischio) Norma CEI 81-10/3 (Protezione contro i fulmini. Parte 3: Danno materiale alle strutture e pericolo per le persone) Norma CEI 81-10/4 (Protezione contro i fulmini. Parte 4: Impianti elettrici ed elettronici nelle strutture) Norma CEI 81-10/5 (Protezione contro i fulmini. Parte 4: Impianti elettrici ed elettronici nelle strutture) Norma CEI 94-4 (Relè elementari elettromeccanici. Parte 1: Requisiti generali e di sicurezza). Norma CEI 103-1 (Impianti telefonici interni). Norma UNI EN 12464-1 (Luce e illuminazione. Illuminazione dei luoghi di lavoro. Parte 1: luoghi di lavoro interni). Norma UNI 1838 (Applicazione dell’illuminotecnica - Illuminazione di emergenza). Le caratteristiche degli impianti stessi, nonché dei loro componenti, saranno inoltre conformi:  alle raccomandazione USSL e ISPESL;  alle norme e prescrizioni della società distributrice dell’energia elettrica;  alle norme e prescrizioni del Circolo delle costruzioni Telegrafiche e Telefoniche;  alle norme e prescrizioni del Comando dei Vigili del Fuoco territorialmente competente;  alle tabelle di unificazione UNI - CEI -UNEL;  alle prescrizioni dell’Istituto Italiano per il marchio di Qualità per i materiali e le apparecchiature ammesse all’ottenimento del Marchio;  ad ogni altra prescrizione, regolamentazione o raccomandazione emanata da eventuali Enti ed applicabile agli impianti elettrici ed alle loro parti componenti;  alle direttive CEE recepite dalla legislazione nazionale con particolare riferimento alle direttive quadro 89/391 e 92/57.

P355/13 – R029/11 13.05.2011

13

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

3

LUOGHI E LORO DESTINAZIONE L’impianto sarà destinato alla produzione di energia elettrica, ma comprenderà, oltre agli impianti tecnologici, anche zone destinate al deposito della materia prima, una palazzina uffici distribuita su due piani, una sala controllo, locali quadri elettrici e locali tecnici in genere. L’intervento in oggetto consiste nel fornire la distribuzione elettrica, luce e F.M., a tutto il sito, con i limiti di fornitura indicati al capitolo 1.

3.1

INDIVIDUAZIONE DEGLI AMBIENTI

Gli ambienti che costituiscono il sito produttivo sono riportati sulle planimetrie di progetto

3.2

CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI

La classificazione degli ambienti in cui è articolata l’attività sarà oggetto del progetto esecutivo. In tale sede dovranno essere definite le diverse tipologie di impianti richieste dalle Norme CEI 64-8 e CEI 31-30 (quest’ultima relativamente alla possibile presenza di atmosfere esplosive). In particolare, dovrà essere presa in considerazione:  la possibile presenza di ambienti a maggior rischio in caso di incendio,  la presenza di servizi igienici contenenti docce.

14

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

4

DESCRIZIONE GENERALE DELL'IMPIANTO ELETTRICO L’impianto ha lo scopo di convertire l’energia termica resa dalla combustione di biomasse vergini in energia elettrica. L’energia elettrica sarà prodotta mediante un alternatore (G1) della potenza di 20.5 MVA a cosφ = 0,8, con tensione nominale 10,5 kV. A valle del generatore saranno presenti:  un trasformatore elevatore (T2) 10,5/20 kV di potenza nominale 20.5 MVA, attraverso il quale l'energia prodotta, e non utilizzata in centrale, sarà convogliata alla sottostazione MT/AT per l'immissione sulla Rete Elettrica,  un trasformatore abbassatore con doppio secondario (T3) 10,5/0,69/0,4 kV, con potenze nominali 4/2/2 MVA attraverso il quale saranno alimentate le utenze di centrale. L’energia prodotta, al netto degli utilizzi di centrale, verrà totalmente immessa sulla Rete Elettrica Nazionale. Una linea MT a 20 kV attestata al quadro QEMT2, ubicato nella sala quadri della centrale di cogenerazione, farà capo al quadro QEMT1 installato nel locale quadri della sottostazione elettrica AT/MT. Da qui, attraverso un trasformatore elevatore (T1) 20/132 kW con potenza nominale pari a 20,5 MVA l'energia sarà trasmessa, tramite elettrodotto AT interrato, ad una sottostazione di parallelo con la Rete Elettrica che sarà posta ad una distanza di circa 800 m dalla centrale. Il progetto dell'elettrodotto in AT non rientra nel presente documento. La connessione con la Rete Elettrica sarà di tipo bidirezionale. Pertanto:  nelle condizioni di normale funzionamento, una parte dell’energia prodotta dall’alternatore sarà utilizzata per alimentare gli impianti di centrale, mentre la parte restante verrà immessa sulla Rete Elettrica e venduta sul libero mercato,  in caso di avaria o manutenzione dell'alternatore G1 o del trasformatore T1 (o di intervento delle rispettive protezioni), gli impianti di centrale saranno alimentati dalla Rete Elettrica,  in caso di avaria o manutenzione del trasformatore T2 (o di intervento delle sue protezioni), gli impianti di centrale saranno alimentati, in isola, dall'alternatore. All’interno della centrale, tutte le utenze saranno alimentate in BT, parte alla tensione nominale di 690 V e parte a 400 V. Per l'alimentazione delle utenze di servizio della palazzina uffici, del fabbricato servizi e delle utenze di centrale, verrà realizzata una cabina di trasformazione MT/BT, all’interno della SSE, nella quale sarà installato un trasformatore 20/0,42 kV (T0), con potenza nominale pari a 315 kVA; Un gruppo Diesel (GE) di emergenza a 400 V con potenza nominale 25 kVA in servizio continuo permetterà di alimentare, in caso di black out, le utenze privilegiate dell’impianto. Gli impianti antincendio non saranno alimentati dal gruppo elettrogeno, in quanto costituiranno impianti autonomi conformi alle relative norme UNI.

P355/13 – R029/11 13.05.2011

15

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

È prevista l’installazione di un UPS di adeguata potenza per garantire l’alimentazione ai sistemi di controllo e protezione di centrale (PLC e PC) che hanno lo scopo di monitorare e controllare tutto il corretto funzionamento della centrale e per alimentare le parti di impianto che necessitano della continuità assoluta di servizio. Nella cabina di trasformazione MT/BT della SSE sarà installato UPS per l’alimentazione dei circuiti di sgancio di emergenza. Il quadro di comando delle apparecchiature di protezione in AT sarà gestito mediante un sistema in corrente continua a 110 V. A servizio della centrale sarà realizzato un sistema di protezione improntato a rendere massima la disponibilità di energia e minima l’incidenza di eventuali guasti A tal fine, tutte le unità di protezione saranno di tipo a microprocessore, così da poter effettuare i necessari coordinamenti logici Il sistema di protezione generale (SPG) ed il sistema di protezione di interfaccia (SPI) dell’utente saranno dotati di tutte le protezioni previste dalla Norma CEI 0-16, integrati con quanto eventualmente richiesto da TERNA. Sarà inoltre implementato un sistema di controllo e supervisione (DCS), basato sull'utilizzo delle più aggiornate tecnologie a microprocessore, che consentirà un monitoraggio continuo degli impianti ed una ottimale gestione degli stessi, sia da locale che in remoto. Per quanto riguarda l’architettura generale degli impianti, si rimanda allo schema a blocchi della distribuzione elettrica ed allo schema unifilare generale, facenti parte degli elaborati grafici di progetto. Con riferimento in particolare allo schema a blocchi della distribuzione elettrica, si precisa che tutti i quadri a servizio degli impianti tecnologici sono da considerarsi come “quadri di bordo machina”: dovranno pertanto essere sviluppati da parte delle società che forniranno gli impianti stessi. Tali quadri dovranno essere completi, oltre che delle necessarie apparecchiature di comando e protezione delle utenze alimentate, anche di tutta la componentistica (PLC, strumenti di misura per il monitoraggio dello stato di funzionamento del macchinario e dei valori di tutte le grandezze di interesse, interfacce di comunicazione, ecc) necessaria per l’implementazione del sistema distribuito di supervisione e controllo (DCS).

16

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

5

CRITERI DI PROGETTAZIONE E DIMENSIONAMENTO I criteri di progettazione e dimensionamento si estenderanno alle apparecchiature, ai materiali ed alla progettazione degli impianti elettrici come di seguito specificato.

5.1

NORME, STANDARDS E REGOLAMENTI

Salvo particolari prescrizioni indicate in questo capitolo o in qualsiasi altra specifica tecnica tutte le apparecchiature elettriche, le macchine elettriche e la progettazione degli impianti elettrici saranno conformi all’ultima edizione delle seguenti norme, standards e regolamenti:  Standards/Raccomandazioni CENELEC,  Standards/Raccomandazioni IEC (International Electrotechnical Commission),  Norme ISO (International Organization for Standardization),  Norme CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano),  Norme UNI,  Norme UNEL. Le Norme CEI corrispondenti alle raccomandazioni IEC saranno lette in congiunzione alle raccomandazioni IEC e, se più severe, avranno precedenza sulle IEC.

5.2

CRITERI DI PROGETTAZIONE DI BASE

Tutti gli impianti elettrici saranno progettati con l’intento di garantire:  la sicurezza del personale,  l’affidabilità degli impianti,  un sistema adeguato di dispositivi di protezione,  l’utilizzo di apparecchiature e materiali con adeguata capacità di interruzione, adeguata portata ed adeguati livelli di isolamento, in accordo ai livelli di tensione, ai carichi ed ai valori di corrente di corto circuito,  una facile manutenzione,  la possibilità di agevoli ispezioni.

5.3

CARATTERISTICHE DEI SISTEMI ELETTRICI

I livelli di tensione utilizzati negli impianti e lo stato del neutro saranno i seguenti;  Generatore G1 - tensione: 10,5 kV - stato del neutro: a terra con impedenza - frequenza: 50 Hz 

Sistema AT di connessione alla rete TERNA - tensione: 132 kV ± 10% - stato del neutro: franco a terra - frequenza: 50 Hz

P355/13 – R029/11 13.05.2011

17

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc



Rete interna MT di centrale - tensione: 20 kV - stato del neutro: a terra con impedenza - frequenza: 50 Hz



Sistema di distribuzione BT - tensione: 400 V - 690 V - stato del neutro: franco a terra - frequenza: 50 Hz



Gruppo elettrogeno di emergenza - tensione: 230/400 V - stato del neutro: franco a terra - frequenza: 50 Hz Sistema di comandi apparecchiature AT in corrente continua (c.c.) - tensione: 110 V ± 10%



5.4



Sistema in corrente continua (cc) - tensione: 110 V - 24 V



Sistema di continuità assoluta in corrente alternata (UPS) - tensione: 230 V - stato del neutro: franco a terra - frequenza: 50 Hz

VARIAZIONE DI TENSIONE AMMESSA

Nelle condizioni di normale funzionamento, per i diversi sistemi elettrici saranno accettate le seguenti tolleranze:  20 kV - 10,5 kV ± 10 %  400 V - 690 V ± 10 %  110 V cc - 48 V cc + 10 %, - 15 % Le condizioni normali escludono transitori quali quelli dovuti a manovre di apertura o chiusura e variazioni momentanee dovute a condizioni anormali, quali guasti, improvviso distacco di grossi carichi, avviamento di grossi motori e condizioni similari. Nel verificarsi di condizioni eccezionali saranno accettate le seguenti tolleranze:  20 kV - 10,5 kV + 10 % per 10 sec - 20 % per 10 sec  400 V - 690 V + 10 % per 10 sec - 20 % per 10 sec

18

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

Le condizioni eccezionali includono transitori quali quelli dovuti a variazioni momentanee dovute a condizioni anormali quali guasti, improvviso distacco di grossi carichi, avviamento di grossi motori e condizioni similari.

5.5

VARIAZIONE DI FREQUENZA AMMESSA

In condizioni di funzionamento normali il campo di variazione della frequenza sarà 48 ÷ 50.5 Hz.

P355/13 – R029/11 13.05.2011

19

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

5.6

CONDIZIONI DI INSTALLAZIONE

5.6.1 CLASSIFICAZIONE DELLE CONDIZIONI DI INSTALLAZIONE Le condizioni di installazione saranno classificate come segue: Installazione all’esterno: installazione all’esterno senza protezione contro la pioggia, temporali, irraggiamento solare ed esposizione ad atmosfera contaminata. Installazione all’esterno protetta: installazione sotto tettoia con possibili spruzzi d’acqua; possono essere presenti polvere e sabbia. Installazione all’interno in ambiente secco: installazione in locali completamente chiusi, con presenza di acqua solo sotto forma di gocce di condensa e presenza trascurabile di sabbia. Installazione in locali condizionati: installazione in locali dove la temperatura dell’aria e l’umidità saranno mantenuti artificialmente entro i valori specificati.

5.6.2 SCELTA DEL TIPO DI PROTEZIONE Installazione all’esterno:  le macchine elettriche rotanti avranno un grado di protezione IP 55.  le apparecchiature di bassa tensione avranno un grado di protezione IP 55. Installazione all’esterno protetta ed installazione all’interno in locali bagnati o polverosi:  le macchine elettriche rotanti avranno un grado di protezione IP 54.  le apparecchiature di bassa tensione avranno un grado di protezione IP 54. Installazione all’interno in ambiente secco:  le apparecchiature di bassa tensione avranno un grado di protezione IP 31.  le apparecchiature di media tensione avranno un grado di protezione IP 31.  il resistore di messa a terra del centro stella del generatore avrà un grado di protezione IP 22.

5.6.3 MOTORI ELETTRICI I motori elettrici saranno conformi agli Standards IEC 34 ed alle norme CEI emesse dal Comitato Tecnico n.2. I motori saranno asincroni, trifasi, a gabbia di scoiattolo. La potenza del motore sarà adeguata per soddisfare le richieste della macchina accoppiata. Tutti i motori saranno adatti alle condizioni ambientali e climatiche vigenti nel luogo di installazione e protetti contro il danneggiamento delle muffe da funghi. Le carcasse dei motori saranno realizzate con lamiere saldate o in fusione di alluminio. I motori saranno isolati in classe F con sovratemperature della classe B. Il tipo di isolamento previsto sarà resistente all’azione degli oli lubrificanti.

20

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

I motori saranno previsti per avviamento diretto. I motori saranno in grado di funzionare anche nel caso in cui la tensione di alimentazione si abbassi all’80 % del valore nominale per 10 sec. I motori, ove necessario, saranno dotati di scaldiglie anticondensa.

5.6.4 POTENZE CONVENZIONALI Per gli impianti tecnologici, la potenza convenzionale è stata determinata sulla base della potenza nominale degli stessi, considerando un fattore di riduzione K = 0,7 ÷ 0,8, dovuto ai coefficienti di utilizzazione e contemporaneità. Le potenze convenzionali così determinate saranno eventualmente modificate in fase di progetto esecutivo, nel caso in cui dovessero cambiare le caratteristiche degli impianti stessi. La potenza convenzionale dei carichi luce sarà determinata a partire dalle potenze nominali dei corpi illuminanti, moltiplicate per un coefficiente di contemporaneità Kc = 0,8. Le prese di tipo industriale saranno alimentate in gruppi di non più di 6 prese per ciascun circuito di distribuzione. Il dimensionamento del circuito di alimentazione prese sarà determinato dalla seguente formula: (0.1 + 0.9/N) (A x N) dove: N = numero di prese, A = corrente nominale della singola.

5.7

CAVI ELETTRICI

5.7.1 DIMENSIONAMENTO DEI CAVI I cavi saranno dimensionati come segue:  i collegamenti ai trasformatori e da ciascun trasformatore al quadro corrispondente saranno dimensionati per la potenza del trasformatore.  i collegamenti ai quadri di distribuzione e di sottodistribuzione saranno dimensionati per il 100 % della potenza assorbita dalle utenze.  i collegamenti alle utenze saranno dimensionati in base alla potenza nominale dell’utenza. Inoltre il dimensionamento dei cavi sarà verificato anche per le seguenti condizioni:  resistenza meccanica,  portata,  caduta di tensione ammessa,  resistenza al corto circuito,  temperatura ambiente,  condizioni di installazione. in particolare:  resistenza meccanica: la sezione minima dei conduttori sarà: - per cavi di MT: 25 mm2 - per cavi di potenza di BT: 2,5 mm2

P355/13 – R029/11 13.05.2011

21

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc



22

- per cavi di controllo: 1,5 mm2 portata: la portata di ogni cavo sarà calcolata in base alla sua corrente nominale specificata dalle norme IEC e/o CEI (o dal catalogo del costruttore) tenendo conto dei fattori di correzione dovuti alle temperatura ambiente o del terreno, alla resistività termica del terreno, alle condizioni di posa dei cavi in accordo alle norme IEC 287 (od al catalogo del costruttore).



caduta di tensione ammessa: la sezione del cavo sarà dimensionata in base alle cadute di tensione di seguito indicate: - per l’alimentazione dei quadri e sottoquadri: • 2 % della tensione nominale; - per l’alimentazione dei motori: • 5 % della tensione nominale in condizioni di normale funzionamento, • 15 % della tensione nominale in fase di avviamento (inclusa la caduta di tensione a partire dal power center); - per i circuiti luce: • 3 % della tensione nominale (5 % inclusa la caduta sui quadri a monte);



Resistenza al corto circuito: la resistenza al corto circuito dei cavi MT e BT sarà verificata in base all’energia passante dell’apparecchio di protezione in accordo alle norme CEI 64.8, considerando i valori effettivi della corrente dei corto circuito e del tempo di intervento del relé di protezione o dell’apparecchio di protezione. La temperatura finale del conduttore, alla fine del corto circuito, non supererà la temperatura prescritta dalle norme o dal costruttore dei cavi od i seguenti valori, qualunque sia il più basso: - 160 °C per cavi isolati in PVC, - 250 °C per cavi isolati in EPR o XLPE.



Conduttori di riserva (soltanto per cavi di controllo): tutti i cavi di controllo aventi più di 7 conduttori, utilizzati per collegare i pannelli di controllo, avranno il 15 % di conduttori di riserva.

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

6

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELLE MACCHINE

6.1

GENERATORE (G1)

Il generatore sarà dimensionato per erogare la massima potenza in tutte le condizioni di funzionamento e nel pieno rispetto delle prescrizioni e delle norme di riferimento. Tutte le parti del generatore saranno progettate e costruite in modo da poter sopportare, senza subire danni sensibili le condizioni accidentali di corto circuito. Il sistema di fissaggio dello statore sarà dimensionato per prevenire la trasmissione delle vibrazioni al basamento dovuto al funzionamento della macchina. I terminali dello statore saranno accessibili e ancorati su isolatori posti nel box dei terminali. La strumentazione di controllo, alimentazione ausiliari, ecc. saranno attestate ai box ausiliari; ogni box conterrà i morsetti relativi a segnali di pari livello di disturbo. Il sistema di eccitazione sarà dimensionato per permettere di variare la generazione o l’assorbimento di potenza reattiva in tutto il campo di funzionamento definito dalle curve di capability. L’alternatore sarà corredato dal proprio quadro di comando, controllo e protezione, avente la funzione di controllare il corretto funzionamento della macchina e di proteggerla da possibili malfunzionamenti. Il quadro avrà inoltre la funzione di sincronizzare l’alternatore sulla rete di centrale e comandare la chiusura dell’interruttore di macchina, così da permettere il flusso dell’energia prodotta verso la rete elettrica nazionale. Il sistema di controllo e regolazione sarà interamente digitale, dotato di 2 canali indipendenti, di cui uno automatico e uno manuale. La commutazione dal sistema automatico al sistema manuale, per fuori servizio del primo, sarà in modo bumpless, tramite un dispositivo di inseguimento automatico tra regolatore in stand-by e quello in funzione. Le caratteristiche del generatore saranno fornite dal progettista degli impianti meccanici.

6.2

TRASFORMATORE MT/MT (T2)

Sarà alimentato dal generatore G1, ed avrà la funzione di elevare la tensione dai 10,5 kV del generatore ai 20 kV caratteristici della rete interna MT di centrale. Le caratteristiche principali del trasformatore saranno le seguenti: Gruppo CEI Dd0 Funzione Elevatore di macchina Potenza nominale 20.5 MVA Tensione primaria nominale 10,5 kV Corrente primaria nominale 1127 A Tensione secondaria nominale 20 kV Corrente secondaria nominale 591 A Frequenza 50 Hz Tensione di corto circuito Vcc % 8% Tipo di raffreddamento ONAN Tipo di isolamento Olio minerale esente da PCB e PCT

P355/13 – R029/11 13.05.2011

23

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

6.3

TRASFORMATORE MT/BT (T3)

Sarà alimentato dal generatore G1, ed avrà la funzione di alimentare le utenze BT poste in centrale. Si tratta di un trasformatore con doppio avvolgimento secondario, a 400 V e a 690 V. I due secondari alimenteranno i due quadri elettrici generali di bassa tensione: QEGBT01 (con tensione nominale 400 V) e QEGBT01 (con tensione nominale 690 V) Le caratteristiche principali del trasformatore saranno le seguenti: Gruppo CEI Dyn11 Funzione Alimentazione carichi in BT Potenza nominale 4 MVA / 2 MVA /2 MVA Tensione nominale primaria 10,5 kV Corrente nominale primaria 220 A Tensione nominale secondaria 0,69 kV / 0,4 kV Corrente nominale secondaria 1673 A / 2887 A Frequenza 50 Hz Tensione di corto circuito Vcc % 4% Tipo di raffreddamento ONAN Tipo di isolamento Olio minerale esente da PCB e PCT Tipo di installazione All'aperto

6.4

TRASFORMATORE DI CABINA MT/BT (T0)

Sarà alloggiato all’interno di uno specifico box e sarà alimentati dal quadro QEMT5, posto nel locale quadri MT all’interno della SSE. Il trasformatore alimenterà il quadro generale di Bassa Tensione QEGBT00, tramite il quale si fornirà energia agli impianti tecnologici, luce ed F.M. di centrale. Le caratteristiche principali dei trasformatori saranno le seguenti: Gruppo CEI

Dyn11

Funzione

Alimentazione carichi in BT

Potenza nominale

315 kVA

Tensione primaria nominale

20 kV

Corrente primaria nominale

9A

Tensione secondaria nominale

0,4 kV

Corrente secondaria nominale

455 A

Frequenza

50 Hz

Tensione di corto circuito Vcc %

6%

Tipo di raffreddamento

AN

Tipo di isolamento

Resina

24

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

6.5

GRUPPO DIESEL DI EMERGENZA (GE1)

Il gruppo Diesel di emergenza sarà costituito da un motore Diesel accoppiato ad un generatore sincrono debitamente installati su un basamento comune. Il gruppo sarà completo di tutti gli accessori quali il regolatore automatico di velocità, il sistema di alimentazione aria di combustione, il sistema di alimentazione combustibile, l’impianto di lubrificazione, l’impianto di espulsione gas combusti, l’impianto di raffreddamento motore, l’impianto di preriscaldo del motore, l’impianto di avviamento del motore tramite batterie di avviamento, il sistema di protezione, controllo e regolazione, il serbatoio combustibile giornaliero, la cabina di insonorizzazione, la marmitta silenziatrice, accessori vari. Il gruppo sarà collegato al quadro generale di bassa tensione, per l’alimentazione della sezione di emergenza. Le caratteristiche principali del trasformatore saranno le seguenti: Potenza in servizio continuo

25 kVA

Tensione nominale

400 V

Fattore di potenza

0,8

Velocità di rotazione

1500 giri/min

Numero di poli

4

Collegamento

A stella

Stato del neutro

A terra

Classe di isolamento

F

Classe di riferimento per le sovratemperature

B

Eccitazione

Brushless

Grado di protezione

IP 21

Tensione di avviamento

24 V

P355/13 – R029/11 13.05.2011

25

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

7

QUADRI E APPARECCHIATURE DI PROTEZIONE Tutte le apparecchiature ed i materiali elettrici saranno sottoposti alle prove di accettazione in fabbrica in accordo alle norme CEI e/o IEC applicabili.

7.1

ALTA TENSIONE

7.1.1 APPARECCHIATURE DI ALTA TENSIONE Tutte le apparecchiature di comando, protezione e misura, poste a valle del trasformatore elevatore 20/132 kV possiederanno caratteristiche rispondenti a quanto richiesto da TERNA. Qui di seguito vengono fornite alcune caratteristiche di riferimento, che potrebbero dover subire delle modifiche alla luce di quanto specificherà TERNA. Tensione nominale

145 kV

Frequenza nominale

50 Hz

Tensione nominale di tenuta ad impulso atmosferico

650 kV

Tensione nominale di tenuta a frequenza di esercizio

275 kV

Corrente ammissibile di breve durata (1 s)

40 kA

Valore di cresta della corrente ammissibile nominale

100 kA

Corrente nominale in servizio continuo

2500 A

Al fine del contenimento degli spazi, si prevede la realizzazione di un sistema efficiente e salva spazio che prevede l’impiego di un unico modulo che raggruppa le diverse funzioni di: 

Isolatore



Sezionatore di linea con coltelli di terra



Interruttore



Trasformatore di corrente

7.2

MEDIA TENSIONE

7.2.1 PROTEZIONE DEL GENERATORE Le protezioni saranno del tipo a microprocessore e saranno montate in racks normalizzati da 19” installati in armadi unificati. La portella sul fronte degli armadi sarà munita di parete trasparente; sulla parete di fondo degli armadi saranno montate le morsettiere, gli interruttori per l’alimentazione in cc e gli altri accessori che non richiedono un controllo visivo. I pannelli saranno adatti per montaggio all’interno ed avranno un grado di protezione IP40. Saranno previste le prove di accettazione in accordo alle norme IEC 255. Saranno presenti tutte le protezioni previste dalla norma CEI 0-16 e da TERNA. Per il generatore, il pannello protezioni includerà le seguenti protezioni:  differenziale generatore 87G;  minima impedenza 21;  perdita di eccitazione 40;

26

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

         

terra statore 90 % 64 S; terra rotore 64 R; massima tensione 59; minima tensione 27; massimo flusso 24; massima e minima frequenza 81; direzionale di potenza attiva (potenza inversa) 32; sequenza inversa (squilibrio di corrente) 46; mancata apertura interruttore di generatore 50 BF; relè bilancia di tensione 60;

7.2.2 QUADRO DI COMANDO, CONTROLLO E PROTEZIONE ALTERNATORE G1 Si tratta del quadro denominato QEG1. Il quadro interruttore di macchina sarà installato immediatamente a valle del generatore. Il quadro sarà del tipo “metal clad”, alloggerà l’interruttore di macchina, i sezionatori a vuoto ed i riduttori di corrente e tensione relativi ai sistemi di misura e protezione del generatore. L’interruttore di macchina sarà tripolare del tipo sottovuoto. 7.2.3 IMPIANTI CON TENSIONE NOMINALE 10,5 KV I quadri e le apparecchiature di protezione dovranno garantire (per quanto di pertinenza) almeno i seguenti dati tecnici: Tensione nominale di impiego fino a 12 kV Tensione di isolamento 12 kV Frequenza nominale 50 Hz Corrente nominale delle sbarre principali 1250 A Corrente termica nominale delle apparecchiature fino a 1250 A Potere di interruzione > Icc (*) Corrente ammissibile di breve durata (1 s) > Icc (*) Valore di cresta della corrente ammissibile nominale > 2,5 Icc (*) Tensione nominale dei circuiti di comando 110 V c.c. - 230 V c.a. Tipo di installazione Per interno Grado di protezione involucro esterno IP 43 Grado di protezione all’interno del quadro IP 20 (*) calcolata nel punto di installazione

7.2.4 IMPIANTI CON TENSIONE NOMINALE 20 KV I quadri e le apparecchiature di protezione dovranno garantire (per quanto di pertinenza) almeno i seguenti dati tecnici: Tensione nominale di impiego fino a 24 kV Tensione di isolamento 24 kV Frequenza nominale 50 Hz Corrente nominale delle sbarre principali 630 A

P355/13 – R029/11 13.05.2011

27

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

Corrente termica nominale delle apparecchiature Potere di interruzione Corrente ammissibile di breve durata (1 s) Valore di cresta della corrente ammissibile nominale Tensione nominale dei circuiti di comando Tipo di installazione Grado di protezione involucro esterno Grado di protezione all’interno del quadro (*) calcolata nel punto di installazione

7.3

fino a 630 A > Icc (*) > Icc (*) > 2,5 Icc (*) 110 V c.c. - 230 V c.a. Per interno IP 43 IP 20

BASSA TENSIONE

I quadri saranno del tipo metal clad e saranno costituiti da scomparti prefabbricati tra di loro componibili. La struttura di ogni scomparto sarà del tipo autoportante, realizzata mediante l’impiego di lamiera di acciaio dello spessore minimo di 20/10 mm. I pannelli, le lamiere di separazione e le porte saranno realizzati con lamiera pressopiegata dello spessore minimo di 15/10 mm. Se necessario, gli scomparti saranno equipaggiati con resistenze anticondensa e relativi termostati. I quadri Motor Control center (MCC) saranno costituiti da cassetti estraibili, con pannello anteriore realizzato in materiale isolante su cui saranno montati i controlli e le segnalazioni. Ciascuna colonna sarà caratterizzata da tre zone ben distinte:  zona scomparti apparecchiature.  zona sbarre.  zona cavi.

7.3.1 IMPIANTI CON TENSIONE NOMINALE 690 V I quadri e le apparecchiature di protezione dovranno garantire (per quanto di pertinenza) almeno i seguenti dati tecnici: Tensione nominale di impiego fino a 1 kV Tensione di isolamento 1 kV Frequenza nominale 50 Hz Corrente nominale delle sbarre principali 2000 A Corrente termica nominale delle apparecchiature fino a 2000 A Potere di interruzione > Icc (*) Corrente ammissibile di breve durata (1 s) > Icc (*) Valore di cresta della corrente ammissibile nominale > 2,5 Icc (*) Tensione nominale dei circuiti di comando 48 V c.c. - 230 V c.a. Tipo di installazione Per interno Grado di protezione involucro esterno IP 43 Grado di protezione all’interno del quadro IP 20 (*) calcolata nel punto di installazione

28

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

7.3.2 IMPIANTI CON TENSIONE NOMINALE 400 V I quadri e le apparecchiature di protezione dovranno garantire (per quanto di pertinenza) almeno i seguenti dati tecnici: Tensione nominale di impiego fino a 690 V Tensione di isolamento 1 kV Frequenza nominale 50 Hz Corrente nominale delle sbarre principali 3200 A Corrente termica nominale delle apparecchiature fino a 3200 A Potere di interruzione > Icc (*) Corrente ammissibile di breve durata (1 s) > Icc (*) Valore di cresta della corrente ammissibile nominale > 2,5 Icc (*) Tensione nominale dei circuiti di comando 48 V c.c. - 230 V c.a. Tipo di installazione Per interno Grado di protezione involucro esterno IP 43 Grado di protezione all’interno del quadro IP 20 (*) calcolata nel punto di installazione 7.3.3 QUADRI MCC I quadri Motor Control Center saranno costituiti da scomparti modulari di tipo prefabbricato, tra di loro componibili. La struttura di ogni scomparto sarà del tipo autoportante, realizzata mediante l’impiego di lamiera di acciaio dello spessore minimo di 20/10 mm. I pannelli e le lamiere di separazione saranno realizzati con lamiera pressopiegata dello spessore minimo di 10/10 mm. I quadri saranno a semplice fronte con accessibilità solo anteriore, pertanto gli scomparti verticali potranno essere addossati a parete oppure installati retro contro retro per costituire quadri a doppio fronte. I quadri saranno costituiti da cassetti estraibili, con pannello anteriore realizzato in materiale isolante su cui saranno montati i controlli e le segnalazioni. Ciascuna colonna sarà caratterizzata da tre zone ben distinte:  zona scomparti apparecchiature.  zona sbarre.  zona cavi. I quadri saranno caratterizzati dai seguenti dati tecnici: Tensione nominale Tensione di isolamento Frequenza nominale Corrente nominale delle sbarre Corrente ammissibile di breve durata (1 s) Valore di cresta della corrente ammissibile nominale Tipo di installazione Grado di protezione involucro esterno Grado di protezione all’interno del quadro

P355/13 – R029/11 13.05.2011

400 V 660 V 50 Hz 630/800 A 30 kA 75 kA Per interno IP 43 IP 20

29

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

7.3.4 QUADRI DI DISTRIBUZIONE I quadri di distribuzione saranno del tipo ad armadio con portelle sul fronte. La struttura di ogni armadio sarà del tipo autoportante, realizzata mediante l’impiego di lamiera di acciaio dello spessore minimo di 15/10 mm. I pannelli, le lamiere di separazione e le porte saranno realizzati con lamiera pressopiegata dello spessore minimo di 10/10 mm. Saranno a semplice fronte con accessibilità solo anteriore, pertanto potranno essere addossati a parete o montati retro contro retro per costituire quadri a doppio fronte. I quadri di distribuzione alimenteranno utenze quali valvole motorizzate (con attuatore incorporato), resistenze anticondensa, ecc. Tensione nominale 400 V Tensione di isolamento 660 V Frequenza nominale 50 Hz Corrente nominale delle sbarre 100/160/250/400 A Corrente ammissibile di breve durata (1 s) 10/25 kA Valore di cresta della corrente ammissibile nominale 25/62,5 kA Tipo di installazione Per interno Grado di protezione involucro esterno IP 43 Grado di protezione all’interno del quadro IP 20

30

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

8

CAVI ELETTRICI I cavi di collegamento a trasformatori saranno dimensionati in accordo alla potenza nominale del trasformatore stesso. I cavi di collegamento a quadri di distribuzione e sottodistribuzione saranno dimensionati per la potenza apparente richiesta dal normale funzionamento del quadro e del sottoquadro . I cavi di collegamento a motori saranno dimensionati in base alla potenza nominale del motore. La sezione minima dei circuiti di potenza BT sarà di 2.5 mm2; dei circuiti luce e di controllo 1.5 mm2. I cavi saranno delle seguenti tipologie:  Cavi per sistemi a 132 kV: - Cavi ad isolamento estruso in XLPE a norme IEC 183/228/229/230. - Tipo RE4H5E(AR)E – Cavi unipolari in rame con strato estruso ad alta resistenza meccanica. - Tensione nominale di isolamento Uo / U = 87 / 150 kV  Cavi per sistemi a 20 kV: - Cavi isolati con gomma etilenpropilenica (G7) con guaina in PVC a Norme CEI 20-13 ediz. 05/99; - tipo RG7H1R - Cavi unipolari schermati con fili di rame rosso; - Tensione nominale di isolamento Uo / U = 12 / 20 kV.  Cavi per sistemi a 10,5 kV: - Cavi isolati con gomma etilenpropilenica (G7) con guaina in PVC a Norme CEI 20-13 ediz. 05/99; - tipo RG7H1R - Cavi unipolari schermati con fili di rame rosso; - tipo RG7H1OR - Cavi tripolari singolarmente schermati con nastri di rame rosso; - Tensione nominale di isolamento Uo / U = 6 / 10 kV.  Cavi di potenza in bassa tensione: - Cavi non propaganti l’incendio isolati con gomma etilenpropilenica (G7) con guaina in PVC a Norme CEI 20-13 e CEI 20-22 II; - tipo FG7(O)R - Cavi unipolari o multipolari con conduttore a corda rotonda; - Tensione nominale di isolamento Uo / U = 0.6 / 1 kV.  Cavi di controllo o misure: - Cavi non propaganti l’incendio isolati con gomma etilenpropilenica (G7) con guaina in PVC a Norme CEI 20-13 e CEI 20-22 II; - tipo FG7(O)R - Cavi unipolari o multipolari con conduttore a corda rotonda; - Tensione nominale di isolamento Uo / U = 0.6 / 1 kV. I cavi appartenenti a sistemi caratterizzati da differenti tensioni nominali saranno alloggiati all’interno di sistemi di contenimento tra loro separati.

P355/13 – R029/11 13.05.2011

31

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

9

PROTEZIONI Le protezioni saranno del tipo a microprocessore e saranno montate in racks normalizzati da 19” installati in armadi unificati. La portella sul fronte degli armadi sarà munita di parete trasparente; sulla parete di fondo degli armadi saranno montate le morsettiere, gli interruttori per l’alimentazione in cc e gli altri accessori che non richiedono un controllo visivo. I pannelli saranno adatti per montaggio all’interno ed avranno un grado di protezione IP40. Saranno previste le prove di accettazione in accordo alle norme IEC 255. Saranno presenti tutte le protezioni previste dalla norma CEI 0-16 e da TERNA.

9.1

PANNELLI PROTEZIONI GENERATORI

Per il generatore, il pannello protezioni includerà le seguenti protezioni:  differenziale generatore 87G;  minima impedenza 21;  perdita di eccitazione 40;  terra statore 90 % 64 S;  terra rotore 64 R;  massima tensione 59;  minima tensione 27;  massimo flusso 24;  massima e minima frequenza 81;  direzionale di potenza attiva (potenza inversa) 32;  sequenza inversa (squilibrio di corrente) 46;  mancata apertura interruttore di generatore 50 BF;  relais bilancia di tensione 60;

9.2

PANNELLO PROTEZIONI DI INTERFACCIA CON TERNA

Il pannello protezioni di interfaccia con TERNA includerà le seguenti protezioni:  Minima frequenza (81)  Minima tensione (27)  Massima tensione (59)  Massima tensione omopolare (59Vo)  Massima corrente (51)

32

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

10 CRITERI DI REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI Nella realizzazione dell’impianto elettrico di ogni singolo ambiente, in relazione alla classificazione che verrà fatta dello stesso, saranno rispettate le prescrizioni della Norma CEI 64-8 e CEI 31-30. Sarà garantita nelle vie cavi la separazione dei servizi, con particolare riferimento ai conduttori destinati: al trasporto di energia in AT, MT e BT, agli apparecchi telefonici, agli apparecchi citofonici ed interfonici, agli impianti di segnalazione ed allarme e a quelli di videosorveglianza. Tutti i conduttori rispetteranno il codice dei colori e saranno identificati con anellini plastificati, con dicitura corrispondente sugli schemi. L’identificazione sarà realizzata sempre in corrispondenza delle morsettiere dei quadri e degli utilizzatori e, qualora vi sia difficoltà di identificazione, anche nelle scatole di derivazione. I colori blu e giallo/verde saranno destinati esclusivamente alle funzioni rispettivamente di neutro e di terra dei sistemi di distribuzione energia. Non verrà effettuata la nastratura dei conduttori. Tutti i materiali forniti saranno idonei per l'installazione nei relativi ambienti. Gli impianti e i componenti saranno realizzati a regola d'arte, conformemente alle prescrizioni della Legge 1 marzo 1968 n. 186; saranno inoltre rispettate le indicazioni del D.M. 22 gennaio 2008, n. 37. Le caratteristiche degli impianti stessi, nonché‚ dei loro componenti, corrisponderanno alle norme di Legge e di regolamento vigenti alla data di esecuzione dei lavori ed in particolare essere conformi:  alle prescrizioni di Autorità Locali, comprese quelle dei Vigili del Fuoco;  alle prescrizioni e indicazioni dell'Azienda Distributrice dell’energia elettrica;  alle prescrizioni e indicazioni della TELECOM;  alle norme CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano). Le opere di installazione saranno tali da garantire un ottimo funzionamento dell'impianto, una soddisfacente affidabilità e una minima manutenzione dello stesso. Tutti i materiali saranno della migliore qualità commercialmente esistente e risponderanno alla normativa vigente, per quanto di pertinenza. In particolare saranno adottati esclusivamente materiali con il Marchio IMQ oppure materiali con certificato e marchio di omologazione specifici, per i componenti reperibili con tali approvazioni oppure, infine, con certificazione e marchio di Enti autorizzati italiani o esteri, per quei componenti per i quali fossero richieste determinate certificazioni, quali ad esempio per le apparecchiature in doppio isolamento. L'esecuzione a regola d'arte e la scelta di materiali di ottima qualità sono fattori indispensabili per l'affidabilità e la sicurezza di esercizio dell'impianto stesso, che rappresenta uno degli obiettivi fondamentali. Per questa ragione, gli apparecchi e materiali impiegati saranno idonei alle sollecitazioni, di qualsiasi natura esse siano, che possono prodursi nel normale esercizio dell'impianto. Le parti attive dei Componenti saranno protette contro il contatto diretto tramite isolamento inamovibile o involucro protettivo, che assicuri un grado di protezione ≥ IPXXB come previsto dalla Norma CEI 64-8 all’art. 412.2.1. Sui piani orizzontali a portata di mano sarà garantito il grado minimo IPXXD, come previsto della Norma 64-8 all'art. 412.2.2. I componenti dell'impianto non saranno in alcun modo potenziale fonte propagazione o, peggio, di innesco di incendio. Tutti gli ambienti vengono considerati a maggior rischio in caso di incendio per la presenza di materiale infiammabile o combustibile con classe del compartimento antincendio superiore a 30, pertanto, nella realizzazione degli impianti, dovranno essere rispettate, per quanto di

P355/13 – R029/11 13.05.2011

33

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

pertinenza, tutte le prescrizioni della Norma CEI 64-8, Parte 7, Sezione 751 "Ambienti a maggior rischio in caso di incendio".

10.1

PRESCRIZIONI RIGUARDANTI I CIRCUITI

10.1.1 CAVI E CONDUTTORI PER LA DISTRIBUZIONE IN ALTA TENSIONE La posa dei cavi AT e gli attraversamenti delle strutture saranno realizzati in accordo con la Direzione Lavori relativa alle opere edili, così da evitare nell’esercizio ordinario dell’impianto, eventuali urti o danneggiamenti degli stessi. Le linee elettriche in alta tensione, saranno esercite con tensione nominale concatenata di 150 kV. Le linee saranno realizzate con cavi rispondenti alle seguenti prescrizioni: a) conduttore: i conduttori saranno a corda rotonda compatta di rame stagnato o di alluminio e corrisponderanno alle indicazioni indicate dalle Norme CEI 20-29, classe 2 b) isolamento: l'isolante sarà costituito da gomma sintetica a base di HEPR, rispondente alle Norme CEI 20-66. c) strati semiconduttori: tra il conduttore e l'isolante e tra l'isolante e lo schermo metallico saranno applicati strati estrusi di materiale elastomerico semiconduttore. d) schermo metallico: i cavi avranno schermo metallico, di rame non stagnato, costituito da fili oppure da nastri, applicati ad elica. Questo sarà posto su ciascuna anima. Lo schermo metallico soddisferà in ogni caso alle prescrizioni di resistenza elettrica massima indicata dalle norme CEI 20-66. e) guaina protettiva: la guaina protettiva esterna dei cavi sarà realizzata in alluminio I cavi saranno unipolari, con tensione nominale U0 = 87 kV. La sezione minima dei conduttori si determinerà, come richiesto dalla Norma CEI 11-17, utilizzando la seguente formula:

S=

Icc * t k

dove S = Sezione del conduttore in mm2 Icc = Corrente di corto circuito t = Tempo massimo di intervento delle protezioni

34

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

10.1.2 CAVI E CONDUTTORI PER LA DISTRIBUZIONE IN MEDIA TENSIONE La posa dei cavi MT e gli attraversamenti delle strutture saranno realizzati in accordo con la Direzione Lavori relativa alle opere edili, così da evitare nell’esercizio ordinario dell’impianto, eventuali urti o danneggiamenti degli stessi. Le linee elettriche in media tensione, saranno esercite con tensione nominale concatenata di 10,5 kV e di 20 kV. Le linee saranno realizzate con cavi rispondenti alle seguenti prescrizioni: a) conduttore: i conduttori saranno a corda rotonda compatta di rame stagnato o di alluminio e corrisponderanno alle indicazioni indicate dalle Norme CEI 20-29 b) isolamento: l'isolante sarà costituito da gomma sintetica a base di XLPE, rispondente alle Norme CEI 20-13. c) strati semiconduttori: tra il conduttore e l'isolante e tra l'isolante e lo schermo metallico saranno applicati strati estrusi di materiale elastomerico semiconduttore. d) schermo metallico: i cavi avranno schermo metallico, di rame non stagnato, costituito da fili oppure da nastri, applicati ad elica. Questo sarà posto su ciascuna anima. Lo schermo metallico soddisferà in ogni caso alle prescrizioni di resistenza elettrica massima indicata dalle norme CEI 20-13. e) guaina protettiva: la guaina protettiva esterna dei cavi sarà realizzata in materiale termoplastico speciale di qualità Rz di colore rossoqualità Rz indicata dalla Norma CEI 20-11 I cavi saranno di tipo RG7H1R con tensioni nominali U0/U = 6/10 kV (per le linee a 10,5 kV) e U0/U = 12/20 kV (per le linee a 20 kV). La sezione minima dei conduttori si determinerà, come richiesto dalla Norma CEI 11-17, utilizzando la seguente formula :

S=

Icc * t k

dove S = Sezione del conduttore in mm2 Icc = Corrente di corto circuito t = Tempo massimo di intervento delle protezioni

10.1.3 CAVI E CONDUTTORI PER LA DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE a) isolamento dei cavi: i cavi utilizzati nei sistemi di prima categoria saranno adatti a tensione nominale verso terra e tensione nominale (Uo/U) non inferiori a 450/750V, simbolo di designazione 07. Quelli utilizzati nei circuiti di segnalazione e comando saranno adatti a tensioni nominali non inferiori a 300/500V, simbolo di designazione 05. Questi ultimi, se posati nello stesso tubo,

P355/13 – R029/11 13.05.2011

35

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

b)

c)

d)

e)

36

condotto o canale con cavi previsti con tensioni nominali superiori, saranno adatti alla tensione nominale maggiore; colori distintivi dei cavi: i conduttori impiegati nell'esecuzione degli impianti saranno contraddistinti dalle colorazioni previste dalle vigenti tabelle di unificazione CEI-UNEL 00712, 00722, 00724, 00725, 00726 e 00727. In particolare i conduttori di neutro e protezione saranno contraddistinti rispettivamente ed esclusivamente con il colore blu chiaro e con il bicolore giallo-verde. Per quanto riguarda i conduttori di fase, saranno contraddistinti in modo univoco per tutto l'impianto dai colori: nero, grigio (cenere) e marrone; sezioni minime e cadute di tensione ammesse: le sezioni dei conduttori calcolate in funzione della potenza impegnata e dalla lunghezza dei circuiti (affinché la caduta di tensione non superi il valore del 4% della tensione a vuoto) saranno scelte tra quelle unificate. In ogni caso non saranno superati i valori delle portate di corrente ammesse, per i diversi tipi di conduttori, dalle tabelle di unificaziune CEI-UNEL 35023 e 35024. Indipendentemente dai valori ricavati con le precedenti indicazioni, le sezioni minime ammesse sono;  0,75 mm² per circuiti di segnalazione e telecomando;  1,5 mm² per illuminazione di base, derivazione per prese a spina per altri apparecchi di illuminazione e per apparecchi con potenza unitaria inferiore o uguale a 2,2 kW;  2,5 mm² per derivazione con o senza prese a spina per utilizzatori con potenza unitaria superiore a 2,2 kW e inferiore o uguale a 3 kW;  4 mm² per montanti singoli e linee alimentanti singoli apparecchi utilizzatori con potenza nominale superiore a 3 kW; sezione minima dei conduttori neutri: la sezione dei conduttori neutri non sarà inferiore a quella dei corrispondenti conduttori di fase. Per conduttori in circuiti polifasi, con sezione superiore a 16 mm², la sezione dei conduttori neutri potrà essere ridotta alla metà di quella dei conduttori di fase, col minimo tuttavia di 16 mm² (per conduttori in rame), purché vengano soddisfatte le condizioni dell'art. 3.1.0.7 delle norme CEI 64-8. sezione dei conduttori di terra e protezione: la sezione dei conduttori di terra e di protezione, cioè dei conduttori che collegheranno all'impianto di terra le parti da proteggere contro i contatti indiretti, non sarà inferiore a quella indicata nella tabella seguente, tratta dalle norme CEI 64-8: Sezione minima del conduttore di protezione Sezione dei conduttori di fase dell’impianto Sezione minima del conduttore di protezione S (mm²) Sp (mm²) S < 16

Sp = 16

16 < S < 35

Sp = 16

S > 35

Sp = S/2

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

Sezione minima del conduttore di terra La sezione del conduttore di terra sarà non inferiore a quella del conduttore di protezione suddetta con i minimi di seguito indicati: Sezione minima (mm²)  Protetto contro la corrosione ma non meccanicamente 16 (CU) 16 (FE)  Non protetto contro la corrosione 25 (CU) 50 (FE) In alternativa ai criteri sopra indicati potrà eventualmente essere condotto il calcolo della sezione minima del conduttore di protezione mediante il metodo analitico indicato nell’art. 543.1.1 della Norma CEI 64-8.

10.2

TUBI PROTETTIVI, CANALI E PASSERELLE

I conduttori, a meno che non si tratti di installazioni volanti, saranno sempre protetti e salvaguardati meccanicamente. Dette protezioni potranno essere: tubazioni, canalette porta cavi, passerelle, condotti o cunicoli ricavati nella struttura edile ecc. I tubi protettivi e i canali menzionati cui se ne richiede l’uso nel progetto, soddisferanno i requisiti di seguito elencati:  Tubi protettivi rigidi ed accessori di metallo, isolanti o composti, filettabili e non filettabili rispondenti alle caratteristiche tecniche previste dalle Norme CEI 23-39 e CEI 23-81; nei casi di installazione in vista su parete o soffitto;  Tubi pieghevoli corrugati longitudinalmente ed accessori in materiale isolante rispondenti alle caratteristiche tecniche previste dalla Norma CEI 23-82; nei casi di posa sottopavimento o in controsoffittature, in scanalature ricavate nei muri o all’interno di pannelli costituenti pareti mobili;  Tubi flessibili ed accessori in materiale isolante rispondenti alle caratteristiche tecniche previste dalla Norma CEI 23-83; nei casi di collegamenti a macchine con parti mobili;  Canali portacavi in materiale plastico e loro accessori ad uso battiscopa, rispondenti alle caratteristiche tecniche previste dalla norma CEI 23-19;  Canali in materiale metallico rispondenti alle caratteristiche tecniche previste dalla norma CEI 23-31;  Canali in materiale plastico isolante rispondenti alle caratteristiche tecniche previste dalla norma CEI 23-32.  Passerelle perforate in materiale metallico (acciaio zincato) rispondenti alle caratteristiche tecniche previste dalla norma CEI 23-31;  Passerelle a filo metallico in acciaio rispondenti alle caratteristiche tecniche previste dalla norma CEI 23-76;

10.2.1 POSA DEI TUBI PROTETTIVI Generalmente i tubi protettivi, compatibilmente con le indicazioni fornite dal costruttore, si potranno mettere in opera in uno dei modi qui indicati:  entro cavità di strutture;

P355/13 – R029/11 13.05.2011

37

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

 entro cunicoli;  interrati;  incassati nella struttura (p.e. sotto traccia);  in montaggio sporgente (p.e. su parete);  mentre non sono ammessi nei seguenti casi:  in posa aerea;  immersi in acqua. Nelle tubazioni sarà sempre possibile sfilare e rinfilare i cavi; a tal fine il diametro interno dei tubi protettivi sarà pari ad almeno 1,3 volte il diametro del cerchio circoscritto al fascio di cavi che essi (i tubi) sono destinati a contenere. Il percorso scelto per la posa dei tubi protettivi, non risulterà in prossimità di condutture contenenti fluidi ad elevata temperatura; inoltre non sarà ammarato a tubazioni, canali o ad altre installazioni impiantistiche. La posa dei tubi protettivi non limiterà le operazioni di manutenzione su altri impianti. 10.2.1.1 Posa di tubi interrati I tubi protettivi in materiale isolante e in materiale metallico saranno sempre installati ad una profondità non inferiore a 0,5 m; tuttavia per i tubi protettivi in materiale metallico (meccanicamente più resistenti) è permessa una profondità di posa minore di 0,5 m dal piano calpestabile. La profondità di posa sarà in ogni caso preventivamente concordata con la Direzione Lavori. Le tubazioni saranno posate sul fondo dello scavo, sufficiente per la profondità di posa preventivamente concordata con la Direzione Lavori e privo di qualsiasi sporgenza o spigolo di roccia o di sassi. Le tubazioni risulteranno coi singoli tratti uniti tra loro o stretti da collari o flange, onde evitare discontinuità nella loro superficie interna. Durante le operazioni di reinterro, ad una profondità di circa 0,4 metri dal piano di campagna, si poserà un nastro indicatore che indichi la presenza di cavi elettrici interrati. Per l'infilaggio dei cavi, si avranno adeguati pozzetti. Il distanziamento fra tali pozzetti sarà da stabilirsi in rapporto alla natura ed alla grandezza dei cavi da infilare. Tuttavia, per cavi in condizioni medie di scorrimento e grandezza, il distanziamento resta stabilito di massima:  ogni m. 30 circa se in rettilineo;  ogni m. 15 circa se con interposta una curva. I cavi non subiranno curvature di raggio inferiore a 15 volte il loro diametro. Nei parallelismi tra tubazioni metalliche (non elettriche) e tubi protettivi metallici e/o isolanti, l’interdistanza tra gli stessi non sarà minore di 0,3 m. Negli incroci tra le condotte del gas di 4a e 5a specie e tubi protettivi metallici e/o isolanti, l’interdistanza tra gli stessi non sarà minore di 0,5 m. È permesso ridurre tale distanza, interponendo, fra la condotta del gas e la tubazione elettrica diaframmi continui in materiale non metallico, come ad esempio lastre di calcestruzzo. Tali diaframmi saranno prolungati in tutte le direzioni orizzontali dell’incrocio per almeno 1 m. 10.2.1.2 Posa di tubi incassati nella struttura I tubi protettivi incassati nei pavimenti si sceglieranno del tipo pesante ovvero protetti da possibili danneggiamenti (p.e. schiacciamenti). I tubi protettivi incassati all’interno di pareti in modo rigido saranno orizzontali o verticali o paralleli agli spigoli delle pareti.

38

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

10.2.1.3 Posa di tubi in montaggio sporgente Nei tratti a parete o a plafone i tubi protettivi di tipo rigido, siano essi in materiale plastico o metallico, si fisseranno con adatti sostegni posti fra loro ad una interdistanza massima di 80 cm. Tali sostegni, in materiale plastico o di acciaio cadmiato, si fisseranno alla struttura con tasselli ad espansione o tecniche similari; fanno eccezione i fissaggi mediante chiodi a sparo che non si ritengono idonei e pertanto è vietato l’uso. I tubi protettivi saranno fissati mantenendo un certo distanziamento dalle strutture, in modo da rendere più agevoli le future operazioni di riverniciatura per manutenzione e inoltre così facendo è assicurata una sufficiente circolazione di aria. Potranno essere impiegate curve stampate a corpo unico o guaine flessibili di tipo spiralato, mentre non saranno in nessun caso utilizzati raccordi per derivazioni a T. L'ingresso dei tubi protettivi in cassette o quadri elettrici sarà eseguito con l'impiego di appositi raccordi o adattatori. Quando per la costruzione di una conduttura si utilizzeranno tubi protettivi metallici, sarà garantita la continuità elettrica degli stessi, impiegando sempre la raccorderia prevista dal costruttore. Il tratto di conduttura compreso tra due apparecchiature avrà un numero di curve tali per cui la somma, in gradi sessagesimale, degli angoli piani delle curve non supererà i 180° (per esempio due curve da 90°). Il tipo, il dimensionamento e le ubicazioni delle cassette rompitratta sarà scelto in modo tale che il raggio di curvatura dei cavi in esse transitanti non sia inferiore, sia in fase di infilaggio che in fase definitiva, a quello prescritto dal costruttore del cavo stesso. La scelta e la posa dei tubi protettivi sarà tale da garantire il perfetto funzionamento dei cavi contenuti e consentirne la giusta ventilazione, inoltre, ad installazione ultimata, anche un buon aspetto estetico degli impianti, soprattutto nei tratti con posa a vista. Una volta completato il montaggio della conduttura, il grado di protezione non sarà inferiore a quello previsto nel progetto.

10.2.2 POSA DI CANALI E PASSERELLE Generalmente i canali e le passerelle, compatibilmente con le indicazioni fornite dal costruttore, potranno essere messi in opera in ognuno dei modi di posa qui indicati:  entro cavità di strutture solo se accessibili;  incassati nella struttura solo se accessibili (p.e. cunicoli);  in montaggio sporgente (p.e. su parete);  in posa aerea;  mentre non sono permessi nei seguenti tipi di posa:  interrati;  entro cunicoli chiusi;  immersi in acqua. I canali in metallo saranno in acciaio zincato e muniti di coperchio con chiusura a scatto; i singoli elementi si raccorderanno in modo tale da assicurare la continuità elettrica. I canali in materiale isolante avranno adeguata robustezza meccanica, resistenza ai prodotti chimici in genere e agli ambienti umidi e corrosivi. Le passerelle perforate in metallo saranno in acciaio zincato; i singoli elementi si raccorderanno in modo tale da assicurare la continuità elettrica. Nei canali e nelle passerelle, il rapporto tra la sezione del canale e l’area della sezione retta occupata dai cavi non sarà inferiore a due.

P355/13 – R029/11 13.05.2011

39

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

L’installazione a parete di passerelle perforate metalliche sarà prevista per mezzo di sostegni quali: staffe e mensole zincate. Il fissaggio dei sostegni alle strutture metalliche sarà realizzato con l’uso di bulloni, mentre per quelle in muratura sarà realizzato con tasselli ad espansione. Salvo diversa indicazione, l’interasse tra due sostegni sarà tale da sostenere un peso della conduttura di 150 kg/m2 di superficie di passerella, in ogni caso i sostegni avranno un interasse non superiore ai 2 m. I sostegni inoltre saranno presenti nei punti di diramazione e all’inizio di tratti in salita o discesa, in modo da assicurare alla passerella una buona rigidità meccanica. Le giunzioni dei singoli elementi di passerella, non costituiranno pericolo di abrasione per la guaina dei cavi durante la posa. In corrispondenza di eventuali tagli e forature d'aggiustaggio la zincatura sarà ripristinata a freddo con prodotti appropriati. I cambi di direzione saranno realizzati mediante elementi di raccordo, con raggio di curvatura non inferiore ad 8-10 volte il diametro del cavo di sezione maggiore. Nell'attraversamento delle solette saranno installati telai metallici sporgenti dal pavimento almeno 50 mm, atti ad impedire che acqua, segatura ecc. cadano sul piano sottostante. Nei casi previsti i citati telai permetteranno la realizzazione di barriere antifiamma. Le passerelle, se non espressamente indicato, saranno complete di coperchio dello stesso tipo della passerella. Nei tratti verticali il coperchio sarà fissato con viti.

10.3

CASSETTE DI DERIVAZIONE

Le cassette di derivazione saranno utilizzate come rompitratta oppure per contenere dispositivi di giunzione, derivazione, o altri componenti non manovrabili dall’esterno. L’uso di cassette di derivazione come rompitratta è inteso nei seguenti casi:  ogni due curve;  ogni 15 m nei tratti rettilinei;  all'ingresso di ogni locale alimentato;  in corrispondenza di ogni apparecchio di illuminazione. Le cassette non si riempiranno oltre il 50 % della loro capacità. I conduttori saranno legati all'interno delle cassette di derivazione e disposti in modo ordinato circuito per circuito. Le cassette metalliche saranno provviste di morsetto di messa a terra. Le cassette di derivazione saranno complete di morsettiere di tipo componibile su guida DIN di sezione e dimensione adeguata ai conduttori che vi fanno capo. Le cassette di derivazione per impianto a vista avranno un grado di protezione adeguato alla loro ubicazione, con imbocchi ad invito per le tubazioni, con pressacavi o passacavi. Le cassette per incasso saranno in resina con coperchio in plastica fissato con viti e con fratture prestabilite per il fissaggio dei tubi. Nelle cassette di derivazione non è ammesso connettere o far transitare conduttori anche della stessa tensione ma appartenenti ad impianti o a servizi diversi; salvo precise indicazioni riportate nella descrizione delle opere. Sul corpo e sul coperchio di tutte le cassette e scatole sarà applicato un contrassegno per indicare l'impianto di appartenenza.

40

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

10.4

POSA INTERRATA DI CAVI ELETTRICI ISOLATI, CON GUAINA

Per l'interramento dei cavi elettrici, si procederà nel modo seguente:  sul fondo dello scavo, sufficiente per la profondità di posa preventivamente concordata con la Direzione Lavori e privo di qualsiasi sporgenza o spigolo di roccia o di sassi, si costituirà, in primo luogo, un letto di sabbia di fiume, vagliata e lavata, o di cava, vagliata, dello spessore di almeno 10 cm, sul quale si distenderà poi il cavo (o dei cavi) senza premere e senza fare affondare artificialmente nella sabbia;  si stenderà quindi un altro strato di sabbia come sopra, dello spessore di almeno 5 cm, in corrispondenza della generatrice superiore del cavo (o dei cavi); pertanto lo spessore finale complessivo della sabbia risulterà di almeno cm 15 più il diametro del cavo (quello maggiore, avendo più cavi);  sulla sabbia così posta in opera si disporrà infine una fila continua di mattoni pieni, bene accostati fra loro e con il lato maggiore secondo l'andamento del cavo (o dei cavi) se questo avrà il diametro (o questi comporranno una striscia) non superiore a cm 5 od al contrario in senso trasversale (generalmente con più cavi); in alternativa ai mattoni sarà possibile utilizzare idonei tegoli in PVC od effettuare una gettata di calcestruzzo;  sistemati i mattoni, si procederà al reinterro dello scavo pigiando sino al limite del possibile e trasportando a rifiuto il materiale eccedente dall'iniziale scavo:  Durante le operazioni di reinterro, ad una profondità di circa 0, 4 metri dal piano di campagna, si poserà un nastro indicatore che indichi la presenza di cavi elettrici interrati. Per la profondità di posa sarà seguito il concetto di avere il cavo (o i cavi) posti sufficientemente al sicuro da possibili scavi di superficie per riparazioni ai manti stradali o cunette eventualmente soprastanti, o movimenti di terra nei tratti a prato o giardino. Di massima sarà però osservata la profondità di almeno cm 50 ai sensi della norma CEI 11-17. Nell’incrocio tra cavi di energia e di telecomunicazione direttamente interrati, la distanza sarà di almeno 0,3 metri; il cavo posto superiormente sarà protetto per la lunghezza di 1 metro. La protezione sarà realizzata con un tubo in acciaio zincato inossidabile di spessore minimo di 2 mm. Se non è possibile rispettare la distanza minima di 0,3 metri, la protezione sarà applicata anche al cavo posto inferiormente. Se almeno uno dei due cavi è posato entro tubazione ed è possibile sostituirlo senza effettuare scavi (cavo sfilabile), non è necessario rispettare le prescrizioni sopra riportate. Nei parallelismi tra cavi di energia e telecomunicazione, la distanza in pianta sarà di almeno 0,3 metri. Quando non è possibile rispettare questa distanza, occorre installare una protezione supplementare (tubo metallico) sul cavo posto a quota superiore; se la distanza è inferiore a 0,15 metri, la protezione va installata su entrambi i cavi. Un cavo di energia direttamente interrato che incrocia una tubazione metallica sarà posto ad una distanza di almeno 0,5 metri dalla tubazione stessa. Tale distanza può essere ridotta a 0,3 metri se il cavo è contenuto in manufatto non metallico, oppure se nell’incrocio viene interposto un elemento separatore anch’esso non metallico, ad esempio una lastra di calcestruzzo o di materiale rigido isolante. Le eventuali connessioni sui cavi direttamente interrati distanzieranno almeno 1 metro dal punto di incrocio con la tubazione metallica, a meno che non siano attuate tutte le protezioni sopra indicate. Nei parallelismi, la distanza in pianta tra cavi e tubazioni metalliche sarà di almeno 0,3 metri. I cavi per energia direttamente interrati distanzieranno almeno 1 metro dalle superficie esterne di serbatoi interrati contenenti liquidi o gas infiammabili. Quando i cavi sono direttamente interrati, le distanze di rispetto dalle condotte del gas sono le stesse prescritte per le tubazioni metalliche viste sopra.

P355/13 – R029/11 13.05.2011

41

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

10.5

PROTEZIONE CONTRO GLI EFFETTI TERMICI

Al fine di realizzare una protezione contro gli effetti termici dovuti all’impianto elettrico:  saranno soddisfatte le condizioni riportate nella relazione tecnica riguardanti la protezione contro le sovracorrenti.  saranno valutate le probabili sovratensioni di origine atmosferica. I componenti elettrici che possono raggiungere temperature pericolose saranno installati in uno dei seguenti modi:  entro elementi costituiti da materiali che resistano a tali temperature;  dietro schermi termicamente isolanti;  a distanza sufficiente per permettere un’adeguata dissipazione del calore. I componenti elettrici che nel loro funzionamento ordinario possano provocare archi o scintille saranno:  essere racchiusi in elementi con adeguato grado di protezione;  essere schermati con elementi di materiale resistente agli archi.

10.6

SCELTA DEI COMPONENTI ELETTRICI

"I materiali e i componenti realizzati secondo le norme tecniche di sicurezza dell’Ente italiano di unificazione (UNI) e del Comitato elettrotecnico italiano (CEI), nonché di quanto prescritto dalla legislazione tecnica vigente in materia, si considerano a regola d’arte” (D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 art. 6 comma 1). Quando sul materiale elettrico è apposto un marchio di conformità: sia IMQ o un altro rilasciato dagli organismi competenti per ciascuno degli Stati membri della Comunità economica europea; oppure ancora di una dichiarazione di conformità a tali norme rilasciata dal costruttore, importa la presunzione che detto materiale elettrico risponda alle prescrizioni di sicurezza ovvero si considera a regola d’arte (cfr Legge 18/10/77 n. 791 art. 7). Per tutti gli apparecchi soggetti ai requisiti della direttiva comunitaria sulla compatibilità elettromagnetica (EMC), si apporrà la marcatura CE; tale procedimento vale anche per tutti gli apparecchi di nuovo acquisto cui può essere applicata la direttiva comunitaria Bassa Tensione.

10.7

SEZIONAMENTO E COMANDO

Ogni circuito sarà sezionabile dall’alimentazione (CEI 64-8 art. 462.1). Il sezionamento avverrà su tutti i conduttori attivi; il conduttore di neutro è un conduttore attivo. Saranno adottati mezzi idonei per evitare che qualsiasi componente elettrico possa essere alimentato intempestivamente. Tali precauzioni potranno consistere in una delle seguenti misure:  blocco meccanico sul dispositivo di sezionamento;  scritte o altre opportune segnalazioni;  collocazione del dispositivo di sezionamento entro un locale od un involucro chiusi a chiave. 10.7.1 COMANDI DI EMERGENZA Saranno previsti dispositivi per il comando di emergenza quando si renderà necessario agire sull’alimentazione per eliminare pericoli imprevisti.

42

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

10.7.2 INTERRUTTORI DI COMANDO Nei circuiti bipolari il comando funzionale potrà essere unipolare, purché non venga inserito sul conduttore del neutro e il circuito sia dotato di un dispositivo di sezionamento a monte.

10.8

PROTEZIONE DA SOVRATENSIONI INDIRETTA E DI MANOVRA

PER

FULMINAZIONE

10.8.1 PROTEZIONE D'IMPIANTO Al fine di proteggere l'impianto e le apparecchiature elettriche ed elettroniche ad esso collegate, contro le sovratensioni di origine atmosferica (fulminazione indiretta) e le sovratensioni transitorie di manovra e limitare scatti intempestivi degli interruttori differenziali, all'inizio dell'impianto potrà essere installato, secondo quanto indicato negli schemi elettrici, un limitatore di sovratensioni. Detto limitatore sarà modulare e componibile e avrà il dispositivo di fissaggio a scatto incorporato per profilato unificato. Sarà composto da varistori e scaricatore verso terra per garantire la separazione galvanica tra i conduttori attivi e la terra di protezione ed avere una lampada di segnalazione di inefficienza. I morsetti di collegamento consentiranno un sicuro collegamento dei conduttori e garantire un sicuro serraggio (per esempio del tipo a piastrina). 10.8.2 PROTEZIONE D'UTENZA Per la protezione di particolari utenze molto sensibili alle sovratensioni, quali ad esempio computer video terminali, registratori di cassa, centraline elettroniche in genere e dispositivi elettronici a memoria programmabile, le prese di corrente dedicate alla loro inserzione nell'impianto saranno alimentate attraverso un dispositivo limitatore di sovratensione in aggiunta al dispositivo di protezione generale. Detto dispositivo sarà componibile con le prese ed essere montabile a scatto sulla stessa armatura e per poter essere installato nelle normali scatole di incasso.

10.9

IMPIANTO DI TERRA

10.9.1 CRITERI DI PROGETTO DELL’IMPIANTO DI TERRA. L'impianto soddisferà alle prescrizioni delle vigenti norme di buona tecnica individuabili nelle norme CEI 11-1, CEI 11-37, CEI 64-8, ed in particolare comprenderà:  i dispersori di terra, costituiti da uno o più elementi metallici posti in intimo contatto con il terreno e che realizzeranno il collegamento elettrico con la terra;  il conduttore di terra, non in intimo contatto con il terreno destinato a collegare i dispersori fra loro e al collettore (o nodo) principale di terra.  il collettore (o nodo) principale di terra nel quale confluiranno i conduttori di terra, di protezione, di equipotenzialità  il conduttore di protezione parte dal collettore di terra, arriverà in ogni impianto e sarà collegato a tutte le prese a spina o direttamente alle masse di tutti gli apparecchi da proteggere, compresi gli apparecchi di illuminazione con parti metalliche comunque accessibili.  il conduttore equipotenziale, avente lo scopo di assicurare l'equipotenzialità fra le masse e/o masse estranee.

P355/13 – R029/11 13.05.2011

43

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

La messa a terra di tutte le parti di impianto sarà effettuata collegando le parti interessate ad un impianto di terra unico. L’impianto di terra sarà dimensionato in modo che, con la più elevata corrente di guasto a terra del sistema a tensione superiore a 1000 V, non si verifichino, in nessun punto dell’impianto, tensioni di contatto e di passo superiori ai valori ammessi dalle norme (CEI 11.1). In caso di guasto a terra nei sistemi di 1a categoria, dell’impianto utilizzatore, le protezioni saranno coordinate in modo tale da assicurare che le tensioni di contatto non assumano valori superiori a 50V per un tempo superiore a 5 sec. nel caso di linee alimentanti quadri di distribuzione o utilizzatori fissi (secondo la norma CEI 64-8/4, par. 413.1.3.5), mentre nel caso di alimentazione di apparecchi trasportabili, mobili o portatili, alimentati direttamente o tramite prese a spina, saranno rispettati i valori stabiliti dalla norma CEI 64-8/4, par. 413.1.3.3. Il calcolo della rete di terra sarà effettuato in accordo alle norme IEEE 80 - Guide to safety in AC substations. In conformità a quanto precedentemente indicato, al di sotto della sottostazione l’impianto di terra sarà realizzato con le seguenti modalità: Verrà interrata una maglia costituita da corda di rame nuda da 95 mm2 interrata ad una profondità di circa 1 m.  La rete di terra sarà estesa su tutta l’area della sottostazione, formando delle maglie aventi lato di magliatura di circa 5 m, in accordo alle norme IEEE 80.  Esternamente alla maglia verranno interrati due anelli ad una profondità di 1,5 m e 2 m. In corrispondenza dei quattro vertici della sottostazione, i due anelli esterni saranno interconnessi tra di loro e con la maglia interna.  In corrispondenza dei quattro vertici della sottostazione verranno posti dei dispersori di profondità di lunghezza pari a 20 m, mentre lungo il perimetro della maglia verranno posti dei dispersori a picchetto di lunghezza pari a 3 m.  All’interno della maglia, i conduttori che si incroceranno verranno uniti mediante giunti di rame a compressione, in modo da garantire la continuità elettrica del dispersore. Al di fuori della sottostazione, la rete di dispersione sarà realizzata mediante un anello perimetrale costituito da corda di rame nuda da 95 mm2 interrata ad una profondità di circa 1 m. Tale anello sarà integrato con elementi trasversali realizzati sempre con corda di rame nuda da 95 mm2 interrata ad una profondità di circa 1 m e con dispersori a picchetto di lunghezza pari a 3 m. 

Al dispersore principale faranno capo tutti i conduttori equipotenziali collegati ai dispersori di fatto quali ferri di armatura delle fondazioni e delle costruzioni in cemento armato, così da ridurre la resistenza complessiva del dispersore, a beneficio della protezione delle persone dai contatti indiretti. Sarà inoltre prevista una rete fuori terra a cui saranno collegate tutte le apparecchiature elettriche e le masse metalliche. Dove necessario saranno installate delle barrette di terra tipo BTH alle quali saranno collegate le masse metalliche circostanti. All’impianto di terra saranno collegati:  le carcasse ed i centro stella dei trasformatori  le carpenterie metalliche dei quadri di media tensione  le lame di terra dei sezionatori  il secondario dei TA di misura  il primario ed il secondario dei TV di misura

44

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

       



gli scaricatori di sovratensione le barre di terra e le strutture metalliche dei quadri elettrici di distribuzione le colonne montanti dell’acqua le colonne montanti del gas i conduttori equipotenziali le parti metalliche dei corpi illuminanti non in doppio isolamento i poli di terra delle prese a spina le parti accessibili dell’impianto elettrico e degli apparecchi utilizzatori normalmente non in tensione, ma che per difetto di isolamento o per altre cause potrebbero trovarsi a tensione pericolosa i canali metallici e/o le passarelle portacavi, nel caso in cui i cavi alloggiati al loro interno non siano in doppio isolamento

10.9.2 DIMENSIONAMENTO DEI CONDUTTORI DI PROTEZIONE La sezione del conduttore di protezione verrà definita in base alla regola di cui all'art. art. 543.1.2 della Norma 64-8. Tutti gli utilizzatori con isolamento di classe I saranno collegati all’impianto di terra, con cavi di protezione in rame di tipo H07V-K giallo/verde con sezione pari a quella di fase, per sezioni fino a 16 mm2, e pari alla metà della sezione di fase, ma con un minimo di 16 mm2, per sezioni maggiori. Se nell'impianto dovessero esistere apparecchiature in doppio isolamento, queste non saranno in alcun modo connesse a terra, cosi come le eventuali parti metalliche sulle quali sono installate, a condizione che anche l'alimentazione sia realizzata in modo tale da non diminuire il livello di isolamento. 10.9.3 DIMENSIONAMENTO DEI CONDUTTORI EQUIPOTENZIALI PRINCIPALI Questi collegamenti riguardano tutte le masse estranee e i sistemi di tubazioni che dovessero transitare all’interno della struttura e che potrebbero introdurre potenziali diversi da quello di terra. I conduttori saranno quindi realizzati in corda di rame isolato di sezione non inferiore a 6 mm2, in accordo con quanto stabilito dall’art.547.1.1 della Norma CEI 64 8. 10.9.4 DIMENSIONAMENTO DEI CONDUTTORI EQUIPOTENZIALI SUPPLEMENTARI I conduttori equipotenziali supplementari che collegheranno due masse avranno una sezione non inferiore a quella del più piccolo conduttore di protezione collegato a queste masse. Un conduttore equipotenziale supplementare che connetterà una massa ad una massa estranea avrà una sezione non inferiore alla metà della sezione del corrispondente conduttore di protezione. (art. 547.1.2 Norma CEI 64 8).

P355/13 – R029/11 13.05.2011

45

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

10.10 CONNESSIONE ALLA RETE TERNA Il sistema di connessione alla rete TERNA sarà conforme alla Norma CEI 0-16 ed alla prescrizione ENEL DK 5400 (criteri di allacciamento di clienti alla rete AT della distribuzione). All’interno della sottostazione sarà realizzato il locale quadri, all’interno del quale saranno posizionati:  Il quadro di comando e misura apparecchiature AT, 

Il quadro protezione apparecchiature AT,



Il quadro di protezione linea MT



Il quadro di distribuzione servizi ausiliari c.a. e c.c.,



Il quadro misure fiscali,



tutti i cavi di connessione.

10.11 DISTRIBUZIONE F.M. Si tratta della distribuzione elettrica per l’alimentazione:  dei quadri di bordo macchina a servizio degli impianti,  dei quadri prese di tipo industriale che saranno posti all’interno dei locali tecnici e in prossimità degli impianti esterni,  delle prese di tipo civile che saranno poste negli uffici e nei locali tecnici Nella realizzazione della distribuzione elettrica, le linee saranno posate:  per quanto riguarda la distribuzione elettrica all’aperto: - a vista in tubazione metallica conforme alle Norme CEI 23-39 e CEI 23-81; - in tubazione in PVC serie pesante per posa interrata o annegata nel calcestruzzo, conforme alla Norma CEI 23-46;  per quanto riguarda la distribuzione elettrica all’interno degli ambienti: - a vista, in canale portacavi metallico conforme alla Norma CEI 23-31; - a vista in passerella a filo metallico in acciaio conforme alla Norma CEI 23-76; - a vista in tubazione metallica ed in PVC rigido serie pesante conforme alle Norme CEI 23-39 e CEI 23-81; - a vista in tubazione in PVC pieghevole conforme alla Norma CEI 23-82; - a vista in tubazione in PVC flessibile conforme alla Norma CEI 23-83; - a vista, in canale portacavi in materiale plastico posto a soffitto o parete, conforme alla Norma CEI 23-32; - a vista, in canale portacavi in materiale plastico posto a battiscopa, conforme alla Norma CEI 23-19; - mediante condotti a sbarre prefabbricati, conformi alla Norma CEI 17-13/2; - in tubazione in PVC serie media per la posa sotto traccia in pareti o pavimenti, conforme alle norme CEI 23-82 e 23-83. All’interno dell’attività saranno installati dei quadri presa contenenti sia prese CEE 3P+T che prese CEE 2P+T. Le prese saranno caratterizzate da correnti nominali compatibili con le utenze che si prevede saranno da esse alimentate.

46

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

Le prese poste all’interno degli ambienti garantiranno un grado di protezione minimo IP 44, mentre quelle poste all’aperto IP 55. Nel caso in cui le linee di alimentazione dei quadri presa siano attestate ad apparecchiature di protezione aventi correnti nominali superiori a quelle delle prese, queste ultime saranno di tipo con fusibili o, in alternativa, all’interno degli stessi quadri presa saranno installate anche le corrispondenti apparecchiature di protezione.

10.12 DISTRIBUZIONE LUCE Nella realizzazione della distribuzione elettrica, le linee saranno posate:  per quanto riguarda la distribuzione elettrica all’aperto: - a vista in tubazione metallica conforme alle Norme CEI 23-39 e CEI 23-81; - in tubazione in PVC serie pesante per posa interrata o annegata nel calcestruzzo, conforme alla Norma CEI 23-46;  per quanto riguarda la distribuzione elettrica all’interno degli ambienti: - a vista, in canale portacavi metallico conforme alla Norma CEI 23-31; - a vista in passerella a filo metallico in acciaio conforme alla Norma CEI 23-76; - a vista in tubazione metallica ed in PVC rigido serie pesante conforme alle Norme CEI 23-39 e CEI 23-81; - a vista in tubazione in PVC pieghevole conforme alla Norma CEI 23-82; - a vista in tubazione in PVC flessibile conforme alla Norma CEI 23-83; - a vista, in canale portacavi in materiale plastico posto a soffitto o parete, conforme alla Norma CEI 23-32; - a vista, in canale portacavi in materiale plastico posto a battiscopa, conforme alla Norma CEI 23-19; - mediante condotti a sbarre prefabbricati, conformi alla Norma CEI 17-13/2; - in tubazione in PVC serie media per la posa sotto traccia in pareti o pavimenti, conforme alle norme CEI 23-82 e 23-83. L’impianto di illuminazione avrà il duplice compito di garantire un adeguato livello di illuminamento in relazione al tipo di attività svolta all’interno dei singoli ambienti, ed allo stesso tempo avrà il compito di creare il giusto comfort visivo. L’impianto di illuminazione all’interno dei differenti ambienti sarà realizzato seguendo le prescrizioni della Norma UNI EN 12464-1 (Luce e illuminazione. Illuminazione dei luoghi di lavoro. Parte 1: luoghi di lavoro interni). Obiettivo della progettazione illuminotecnica sarà il soddisfacimento di tre fattori fondamentali:  comfort visivo, cioè il raggiungimento di una sensazione di benessere che contribuisca a migliorare la produttività dei lavoratori;  prestazione visiva, cioè la possibilità, da parte dei lavoratori, di svolgere il loro compito anche in condizioni difficili e a lungo nel tempo;  sicurezza, cioè la garanzia che l’illuminazione non incida negativamente sulle condizioni di sicurezza dei lavoratori. I requisiti di illuminazione richiesti per i differenti ambienti sono i seguenti: Valore Valore massimo di minimo di Tipo di compito o attività Em [lx] UGR Ra Sale di comando e controllo 500 16 80

P355/13 – R029/11 13.05.2011

47

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

Sale quadri Sale macchine Aree di processo Uffici Spogliatoi e servizi igienici Magazzini Aree esterne

200 200 100 300 200 100 20

25 25 25 22 25 25

60 80 60 80 80 80 20

L’impianto di illuminazione garantirà il rispetto di tutti i parametri sopra indicati. L’impianto di illuminazione si svilupperà in modo tale che il posizionamento degli apparecchi illuminanti non crei fastidiosi fenomeni di riflessione o abbagliamento alle persone che opereranno in quegli ambienti. I corpi illuminanti garantiranno il grado di protezione minimo IP2X. Per quegli ambienti in cui è richiesto, il grado di protezione minimo sarà IP4X. I corpi illuminanti ubicati all’esterno garantiranno grado di protezione non inferiore a IP55. Si ricorda poi che occorrerà provvedere a manutenzioni appropriate quando l’illuminamento medio risulterà minore dell’illuminamento di esercizio previsto dalle norme. Il numero di circuiti sarà definito considerando per ogni circuito un carico massimo di 1000 W per apparecchi fluorescenti ed un carico massimo di 3000 W per apparecchi al sodio. In locali dove saranno installati 10 o più corpi illuminanti saranno previsti almeno 3 distinti circuiti di distribuzione; i corpi illuminanti di file adiacenti saranno alimentati da circuiti diversi in modo che in caso di guasto di un circuito soltanto un terzo delle lampade rimane spento. In locali dove saranno installate più di 3 corpi illuminanti e sino a 9 corpi saranno previsti almeno 2 diversi circuiti di distribuzione; i corpi illuminanti di file adiacenti saranno alimentati da circuiti diversi. I circuiti di distribuzione luce (ad eccezione delle strade e piazzali) saranno controllati come segue:  aree limitate/locali dove e’ previsto un solo posto di controllo: interruttore locale on/off;  vaste aree di processo: interruttori sui quadri locali di sottodistribuzione. I circuiti di distribuzione per l’illuminazione strade e piazzale saranno controllati mediante relè crepuscolare (fotocellula). È prevista l’installazione di:  armature stradali montate su palo e dotate di lampade a vapori di sodio ad alta pressione: per realizzare l’illuminazione perimetrale esterna e della viabilità interna;  proiettori dotati di lampade a vapori di alogenuri: per realizzare l’illuminazione generale degli impianti tecnologici;  plafoniere di tipo stagno dotate di lampade tubolari fluorescenti: per realizzare l’illuminazione localizzata degli impianti tecnologici;  plafoniere a soffitto od incassate nel controsoffitto dotate di lampade tubolari fluorescenti: per realizzare l’illuminazione all’interno della palazzina uffici; all’interno degli uffici con addetti a videoterminali le plafoniere dovranno essere di tipo a bassissima luminanza.

10.13 ILLUMINAZIONE DI SICUREZZA E DI RISERVA E’ prevista la realizzazione di un impianto di illuminazione di sicurezza che sarà sviluppata sulla base dei seguenti elementi progettuali :

48

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

identificazione delle vie di esodo: assicurare l’individuazione delle vie di esodo e il loro sicuro utilizzo;  anti-panico: fornire l’illuminamento necessario ad evitare il panico e per raggiungere un luogo da cui sia possibile identificare e utilizzare una via di esodo;  sicurezza dei lavoratori durante interventi sui macchinari all’interno dei locali tecnici. Per l’impianto si impiegheranno apparecchi di emergenza autonomi, cioè apparecchi nei quali la lampada, la batteria, l’unità di comando e gli eventuali dispositivi di prova e di segnalazione sono contenuti entro l’apparecchio o ad esso adiacente. Gli apparecchi saranno conformi alla norma CEI EN 60598-1 (CEI 34-21) la quale contiene le prescrizioni generali per gli apparecchi di illuminazione ed alla norma CEI EN 60598-2-22 (CEI 34-22) la quale riguarda le prescrizioni particolari per gli apparecchi di illuminazioni di emergenza. In particolare, si impiegheranno apparecchi di emergenza autonomi delle seguenti tipologie:  apparecchi di emergenza a illuminazione non permanente (solo emergenza), nei quali le lampade per l’illuminazione di emergenza sono alimentate solo quando l’illuminazione ordinaria viene a mancare. questi apparecchi saranno quindi spenti in presenza della rete e si accenderanno al mancare dell’alimentazione ordinaria;  apparecchio con kit di emergenza, costituito dall’insieme dei dispositivi che compongono un apparecchio di emergenza autonomo ad illuminazione non permanente, salvo la lampada. Il kit di emergenza viene applicato a un apparecchio di illuminazione ordinario, in modo che possa funzionare anche in emergenza. In relazione al tipo di ambiente nel quale gli apparecchi saranno installati, essi possiederanno il necessario grado di protezione IP per quanto riguarda la protezione contro l’ingresso di solidi e liquidi. Per garantire la possibilità di interventi sugli impianti anche in assenza di alimentazione di rete, le linee che realizzeranno la distribuzione elettrica per l’alimentazione dei corpi illuminanti (o una parte di esse) saranno sottese a gruppo elettrogeno, costituendo l’illuminazione di riserva. 

10.14 GRUPPO ELETTROGENO Sarà presente un gruppo elettrogeno che costituirà la sorgente di emergenza per l’alimentazione degli impianti strategici per i quali sarà assicurato il funzionamento anche in assenza di tensione di rete. Il gruppo elettrogeno verrà installato all’interno di un idoneo locale tecnico. Il gruppo elettrogeno sarà alimentato a gasolio e sarà di tipo con avviamento ed arresto automatico, rispondente alle norme UNI 9490 ed insonorizzato. Il quadro di by-pass rete / gruppo sarà posto all’interno del quadro generale di bassa tensione, QEGBT00 così come le apparecchiature di protezione dei “circuiti privilegiati”. La commutazione rete / gruppo avverrà automaticamente. Per lo schema a blocchi dell’alimentazione di riserva si rimanda agli elaborati grafici. Si prevede l’installazione, a servizio degli impianti, di un gruppo elettrogeno caratterizzato da una potenza in servizio continuo di 25 kVA a cosφ 0.8, sovraccaricabile del 10% per 1 ora ogni 12, tensione nominale 400 V e frequenza 50Hz.. Il sistema garantirà una regolazione automatica della tensione contenuta nei limiti di ± 1,5% da vuoto a pieno carico ed a varie temperature.

P355/13 – R029/11 13.05.2011

49

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

10.15 SISTEMA DI CONTINUITÀ ASSOLUTO UPS Nella cabina di trasformazione MT/BT ed all’interno del locale quadro QEMT5 sarà installato un UPS per l’alimentazione dei circuiti di sgancio di emergenza. È inoltre previsto un sistema UPS per l’alimentazione dei sistemi di controllo e protezione della centrale (PLC e PC) che avranno lo scopo di monitorare e controllare il corretto funzionamento della centrale. L’impianto sarà predisposto per l’installazione di un gruppo statico di continuità (UPS) di adeguata potenza: allo scopo si considera idonea una macchina avente potenza nominale 20VA a cosφ = 0.8, di tipo trifase in ingresso e monofase in uscita. Tale scelta sarà confermata, o eventualmente modificata, in fase di progettazione esecutiva. L’UPS possiederà le seguenti caratteristiche principali:  Potenza nominale: 20VA a cosφ = 0.8  Tensione nominale di ingresso: 400 Vca  Tensione nominale di uscita: 230 Vca  Frequenza 50 Hz. L’UPS sarà completo di accumulatori al piombo ermetici in armadio di contenimento per un‘autonomia di almeno 120 minuti a pieno carico. Il gruppo di continuità statico sarà essenzialmente costituito da:  raddrizzatore dodecafase con trasformatore di ingresso con compensatore attivo di armoniche atto a ridurre la reiezione armonica in corrente a monte al 5% massimo  Bypass statico  accumulatori al piombo ermetici in armadio di contenimento con dispositivo di sezionamento batterie  batterie al piombo ermetiche con vita attesa 12 anni, contenitore in materiale antifiamma, massimo 2 elementi in parallelo, inserite in appositi scaffali di contenimento, supporto in acciaio di sostegno alla struttura  interruttore automatico per protezione e sezionamento in loco  inverter statico c.c./c.a.  commutatore statico  gruppo di sezionatori di ingresso e uscita per isolare la macchina e consentire le operazioni di manutenzione  trasformatore di uscita per garantire l’isolamento tra la rete e l'utenza  pannello di comando e controllo  scheda per il riporto a distanza su contatti puliti dei principali stati di funzionamento della macchina  prevedere coordinamento logico della macchina con il sistema generale di bypass manuale di rete (completo di selettori, pulsanti, chiavi e chiavi a solenoide) 10.15.1 MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO L’UPS funzionerà con le seguenti modalità: Funzionamento normale: (rete di alimentazione presente), il raddrizzatore/carica-batterie alimenta l’inverter e contemporaneamente mantiene in carica la batteria; l’inverter alimenta il carico. Funzionamento da batteria: (rete di alimentazione assente o fuori tolleranza), il carico viene alimentato dall’inverter,a sua volta alimentato da batteria nei limiti temporali di autonomia predisposta. Il carico non subisce

50

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

interruzioni di alimentazione, e/o disturbi di alcun genere, inseguito ad un fuori servizio della sorgente di alimentazione. Funzionamento in ricarica: (ritorno della rete di alimentazione), il raddrizzatore / carica-batterie alimenta l’inverter e contemporaneamente provvede alla ricarica automatica della batteria; l’inverter alimenta il carico. Il carico non subisce interruzioni di alimentazione, e/o disturbi di alcun genere, in seguito ad un rientro della sorgente di alimentazione. Funzionamento su bypass-statico: (anomalia di sovraccarico o guasto inverter), lo switch di bypass statico trasferisce il carico, automaticamente e senza interruzioni, sulla rete di riserva, a condizione che questa sia disponibile e nelle tolleranze, in seguito ad una delle condizioni: - -sovraccarico inverter oltre i limiti - autonomia batteria finita e bypass disponibile - guasto inverter - interruttore batteria aperto - errore nel sistema di controllo Lo switch di bypass statico ritrasferisce il carico, automaticamente e senza interruzioni,sulla rete principale, in seguito al rientro da una delle condizioni di anomalia sopracitate. Lo switch di bypass statico sarà azionabile anche manualmente. Funzionamento su bypass manuale: il bypass manuale di manutenzione trasferisce il carico, senza interruzioni, sulla sorgente di alimentazione in ingresso; l’UPS viene isolato per effettuarne la manutenzione. 10.15.2     

NORMATIVE DI RIFERIMENTO Sicurezza: Emissioni e immunità: Prestazioni e metodi di prova: Marchi: Garanzia qualità:

EN 50091-1 EN 50091-2 ENV50091-3 CE ISO 9001

10.16 PULSANTIERE LOCALI Per il comando in campo degli impianti saranno installate pulsantiere locali con pulsanti Start/Stop e selettore Locale/Distanza con chiave di blocco.

10.17 SISTEMA INTERFONO E RICERCA PERSONE Il sistema interfono e ricerca persone verrà usato per impartire istruzioni e fare annunci al personale sull’impianto ed al personale di controllo centrale. Il sistema potrà essere utilizzato sia per il normale esercizio dell’impianto che per qualsiasi situazione anomala e sarà previsto in tutte le aree dove potrà essere presente del personale. Il sistema di altoparlanti potrà essere utilizzato per chiamate selettive su una sola linea di altoparlanti (per es. nella sala turbine), per chiamate di gruppo su più linee di altoparlanti e per

P355/13 – R029/11 13.05.2011

51

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

chiamate collettive su tutte le linee di altoparlanti. Sarà possibile azionare diversi segnali sonori con appropriati pulsanti a secondo che si tratti di annunci per chiamata di servizio, per allarmi operativi o per allarmi incendio. Il sistema includerà le seguenti apparecchiature principali :  un’unità di controllo centrale con microfono e pannello operativo con pulsanti di chiamata e di allarme; tale unità sarà installata nella sala controllo.  una stazione di amplificazione centrale equipaggiata con: unità di amplificazione, generatore di segnale d’allarme, interfaccia telefonica, circuito di alimentazione. La stazione sarà istallata in un armadio metallico verniciato con portella anteriore.

10.18 SISTEMA TELEFONICO Sarà realizzato un sistema telefonico comprendente un centralino PABX, un permutatore e gli apparecchi telefonici collegati dalla rete cavi. Il centralino sarà dotato di batteria e carica batteria per una autonomia di 4 ore. Sarà prevista una unità di accesso al sistema interfonico che tramite la selezione di un numero interno permetterà da un qualsiasi telefono l’effettuazione della chiamata generale tramite il sistema interfono. Il centralino, tramite opportuna programmazione, renderà possibili le seguenti funzioni:  Chiamate interne,  Chiamate dirette dall’esterno,  Passaggio di chiamata automatico,  Servizio notte,  Chiamata diretta verso l’esterno: saranno possibili chiamate all’esterno sulle linee di allacciamento urbane. I singoli telefoni potranno essere abilitati alle chiamate all’esterno attraverso programmazione sul PABX. Gli apparecchi telefonici saranno di tipo normali da tavolo per uffici o locali “civili” e di tipo industriali da parete per le aree d’impianto. Gli apparecchi normali saranno del tipo in plastica con alta resistenza all’urto; gli apparecchi industriali saranno del tipo con custodia rinforzata, grado di protezione IP 55, con avvisatore acustico transistorizzato.

10.19 SISTEMA TELEVISIVO A CIRCUITO CHIUSO Sarà previsto un sistema televisivo a circuito chiuso per controllare le differenti aree d’impianto: Il sistema farà capo alla sala di controllo I monitors avranno lo schermo a colori da 20” e la tensione di alimentazione sarà 230 V a c. Su ogni monitor sarà possibile scegliere l’immagine visualizzata tramite selettore ciclico in grado di commutare gli ingressi video. La commutazione ciclica sarà automatica e programmabile oppure manuale. Le caratteristiche delle telecamere saranno le seguenti:  telecamere a colori con dispositivo di ripresa CCD con attacco “C” o “CS”.  risoluzione orizzontale 330 linee.  custodia IP 65.  tensione di alimentazione: 230 V.

52

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

10.20 SISTEMA OROLOGI Il sistema orologi sarà costituito da un master clock ubicato in sala controllo e da orologi satellite collocati nelle are d’impianto. Il master clock sarà controllato da un oscillatore stabilizzato al quarzo e potrà essere sincronizzato con il computer di sala controllo. Gli orologi satellite ubicati sull’impianto saranno di tipo rotondo, diametro 400 mm, e di tipo LCD quello ubicato in sala controllo. I numeri saranno del tipo arabo con caratteri neri su fondo bianco.

10.21 IMPIANTI PER IL SEZIONAMENTO DI EMERGENZA All’interno della centrale saranno installati più pulsanti dedicati al sezionamento di emergenza. A seconda della loro ubicazione, i pulsanti potranno agire:  sullo sganciatore di apertura dell’interruttore di macchina dell’alternatore posto nel quadro QEG1,  sullo sganciatore di apertura dell’interruttore posto nel quadro QEMT1,  sugli sganciatori di apertura degli interruttori posti nel quadro QEMT2,  sugli sganciatori di apertura degli interruttori posti nel quadro QEMT3,  sugli sganciatori di apertura degli interruttori posti nel quadro QEMT4,  sugli sganciatori di apertura degli interruttori posti nel quadro QEMT5,  sul gruppo elettrogeno, inibendone l’uscita,  sugli UPS, inibendone l’uscita. Saranno realizzati idonei circuiti “di trascinamento” che determino l’apertura degli interruttori generali di bassa tensione a valle dei trasformatori MT/BT, ogni volta che si provvederà, per qualunque motivo, all’apertura di uno degli interruttori MT a monte. I comandi saranno costituiti da pulsanti di sgancio installati sotto vetro frangibile in apposite cassette di colore rosso poste così come indicato negli elaborati grafici di progetto. I pulsanti agiranno sugli sganciatori di apertura attraverso circuiti alimentati dai gruppi di continuità posti nella cabina di trasformazione MT/BT ed all’interno del locale quadri di sottostazione che avranno lo scopo di garantire l’alimentazione dei circuiti di sgancio anche in assenza di tensione. Ciascun pulsante sarà corredato da apposita lampada spia di presenza tensione posta in parallelo al contatto e da cartello monitore con indicato “Pulsante di Emergenza” e la relativa funzione svolta. Dovrà inoltre essere applicata una targhetta che indichi “Attenzione, in caso di lampadina spenta controllare il funzionamento del circuito per lo sgancio di emergenza!”. Considerato lo scopo dei circuiti, si avrà cura di limitare al minimo indispensabile il numero delle connessioni e dei componenti, allo scopo di garantire la massima affidabilità dell’insieme.

P355/13 – R029/11 13.05.2011

53

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

11 SISTEMA DI MISURE, CONTROLLO E SUPERVISIONE L’impianto sarà dotato di un sistema di misure, controllo, regolazioni e supervisione, di tipo automatico, in grado di garantire la continuità e l’efficienza del suo esercizio e di ottimizzarne le prestazioni. Il sistema sarà basato su tre livelli:  il complesso di strumenti di misura mediante il quale saranno rilevati lo stato di funzionamento del macchinario ed i valori di tutte le grandezze di interesse (temperature, pressioni, portate dei fluidi, livelli nelle apparecchiature, misure di concentrazione);  il sottosistema di controllo, costituito da una rete di unità a logica programmabile (PLC) di acquisizione, controllo e regolazione, interfacciata al sottosistema di cui sopra ed al sottosistema di supervisione;  il sottosistema di supervisione, costituito da stazioni di interfaccia con gli operatori. Il sistema sarà fornito già configurato per l’impianto, completo di software di base di ultima generazione e di quello applicativo, appositamente sviluppato. Tutti i quadri a servizio degli impianti tecnologici dovranno essere sviluppati da parte delle società che forniranno gli impianti stessi. Tali quadri dovranno essere completi anche di tutta la componentistica (PLC, strumenti di misura per il monitoraggio dello stato di funzionamento del macchinario e dei valori di tutte le grandezze di interesse, interfacce di comunicazione, ecc) necessaria per l’implementazione del sistema di misure, controllo e supervisione.

11.1

SOTTOSISTEMA DI MISURA

Mediante idonei strumenti di misura, verranno acquisiti i valori di tutte le grandezze significative per la gestione del processo (portate, temperature, pressioni, livelli, concentrazioni, potenze). Tutte le grandezze saranno memorizzate nel sistema di acquisizione.

11.2

SOTTOSISTEMA DI CONTROLLO

L’architettura del sistema sarà realizzata su base modulare, per ottenere la distribuzione dei rischi di guasto mediante la distribuzione delle funzioni di controllo di processo e di acquisizione dati su più schede elettroniche e su più unità di processo, anche per facilitare la possibilità di espansioni future. Le diverse unità componenti saranno disposte in campo, nelle vicinanze della rispettiva sezione controllata, minimizzando le lunghezze dei cavi di collegamento con gli strumenti di misura e con gli attuatori degli organi di regolazione da esse comandati, o posizionate nella sala controllo. L’affidabilità del sottosistema sarà garantita dalla qualità e dalla modularità dei componenti principali, dalla loro ridondanza e da un sistema di diagnostica in grado di segnalare in tempo reale eventuali anomalie. Ogni unità di controllo governerà una sola sezione di impianto. Sono previste due unità di controllo per ogni sezione di impianto con una ridondanza del 100%. In caso di malfunzionamento dell’unità in esercizio, il controllo passerà automaticamente all’unità di riserva; tale operazione verrà segnalata al sottosistema di supervisione. Ciascuna unità di controllo svolgerà le seguenti funzioni principali:  raccolta dei dati provenienti dalla sottosezione di impianto di pertinenza; analisi delle variabili da controllare;

54

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

valutazione degli interventi sugli organi di comando per la regolazione delle grandezze da essi dipendenti;  invio dei segnali opportuni ai suddetti organi di comando;  esecuzione delle sequenze di blocco;  trasmissione dei dati (processuali, allarmi, situazione macchine ed attuatori) al sottosistema di supervisione. Ciascuna unità di controllo sarà configurata dal sistema di supervisione in modo indipendente ed accetterà le modifiche dei parametri e/o algoritmi di controllo tramite opportuni accorgimenti di sicurezza (passwords diversificate ed aggiornabili). La comunicazione fra unità di controllo e unità di supervisione sarà garantita da un bus di collegamento in configurazione ridondante. Pure ridondante sarà la configurazione delle schede che gestiranno la comunicazione e l’interfacciamento di ogni singola unità sia di controllo che di supervisione con il bus di comunicazione. 

11.3

SOTTOSISTEMA DI SUPERVISIONE

Il sottosistema di supervisione dell’impianto e le relative stazioni di interfaccia con gli operatori, posizionati in sala controllo, consentiranno l’esercizio dell’impianto senza necessità di interventi esterni, ad eccezione di operazioni particolari. Gli operatori saranno in grado di controllare il funzionamento dell’impianto, visualizzando sui monitor le diverse sezioni di cui esso sarà costituito, su più pagine video e finestre, richiedendo i dati elaborati (medie, consumi, produzioni, etc.) in modo diretto. Anche eventuali manovre di emergenza (fermata dell’impianto, blocco o ripristino di una sezione) potranno essere condotte direttamente dalla sala controllo, avviando le apposite procedure. Il sistema di supervisione svolgerà le seguenti funzioni principali:  trasmissione al sistema di controllo dei valori dei parametri principali di processo, necessari all’impostazione delle condizioni di marcia dell’impianto;  visualizzazione dello stato funzionale dell’impianto;  stampa, periodica e su richiesta, dei dati storici elaborati ed aggregati in diversa forma (tabelle, grafici);  gestione del sistema di allarmi e presentazione degli stessi in forma luminosa e sonora;  invio, quando necessario, della sequenza di ordini per il blocco totale o parziale dell’impianto;  messa in marcia programmata dell’impianto;  fermata programmata dell’impianto. 11.3.1 CARATTERISTICHE PRINCIPALI Il sottosistema di supervisione sarà formato da più unità di supervisione, equipaggiate con elettronica indipendente. Ogni unità di supervisione sarà anche un’unità di programmazione sia dell’unità di controllo remota che di se stessa. Sarà quindi possibile riconfigurare le unità di controllo dall’unità di programmazione, tramite la rete locale di comunicazione. Da ciascuna stazione di supervisione/programmazione sarà possibile consultare tutti gli allarmi attivi e tutti gli archivi storici, senza rinunciare alla supervisione dell’impianto.

P355/13 – R029/11 13.05.2011

55

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

Da ciascuna stazione operatore sarà possibile visualizzare in linea e in tempo reale il programma applicativo, senza dover rinunciare alla supervisione dell’impianto (visualizzazione pagine di sinottica, archiviazione storica, etc). Ciascuna unità di supervisione avrà i seguenti requisiti hardware e software:  n°1 computer tipo PC IBM compatibile di ultima gen erazione  sistema operativo multitasking Windows di ultima generazione  software di comunicazione con il sottosistema di controllo  software di supervisione  n° 1 unità di backup esterna, di tipo magneto-otti co;  n° 1 stampante per fogli di formato massimo A3. Sarà possibile programmare le unità di controllo attraverso l’uso di linguaggi orientati e linguaggi ad alto livello, per eseguire calcoli complessi su variabili acquisite o calcolate, per regolazione e controllo avanzato. Sarà inoltre possibile modificare le diverse sequenze del programma e ritrasmetterle all’unità di controllo con l’impianto in operazione senza perdere il controllo dell’impianto (riconfigurazione on line). 11.3.2 SINOTTICA E VISUALIZZAZIONI Da ciascuna stazione di supervisione/programmazione sarà possibile:  gestire almeno 1000 pagine di sinottica;  disporre di overview dell’impianto organizzato in una o più pagine contenenti in modo sintetico le informazioni essenziali di tutti i segnali collegati al sistema;  gestire pagine di gruppo, contenenti gruppi di loops, analogici e digitali, dai quali sarà possibile operare su ciascun loop (commutazione auto/man., modo di controllo, variazioni dell’uscita o del set-point, ecc.);  gestire pagine del singolo loop in cui vengono presentati i parametri di configurazione del punto;  consultare pagine relative alla tendenza (trend) sia in tempi reali che storici; le curve di trend in tempo reale visualizzeranno l’andamento delle variabili per un periodo non inferiore agli ultimi 15 minuti con periodo di campionamento inferiore ai 2 secondi; i trend storici avranno un tempo di campionamento selezionabile dall’operatore con tempo di campionamento minimo non superiore a 10 secondi; ciascun trend conterrà contemporaneamente fino a 4 variabili; la stazione operatore potrà archiviare storicamente sulle memorie di massa fino a 600 variabili con diverse temporizzazioni;  visualizzare pagine relative agli allarmi di processo contenenti tutti gli allarmi attivi, riconosciuti e non, esistenti sull’impianto ed elencati in ordine cronologico per priorità;  gestire un archivio allarmi cronologico contenente gli ultimi 100 allarmi intervenuti;  visualizzare pagine di sinottica dinamica con la possibilità di rappresentare 130 variabili per ognuna di esse, con tempo di cambio pagina inferiore ad un secondo; le normali azioni per condurre il processo saranno possibili anche a questo livello di visualizzazione;  permettere la consultazione di sinottici mimici a doppia pagina con funzione di scorrimento orizzontale tramite track-ball;  richiamare pagine illustranti lo svilupparsi dei vari passi di eventuali sequenze di controllo. Ogni stazione operatore sarà dotata di tastiera operatore organizzata per gruppi funzionali in modo da consentire le prestazioni descritte precedentemente. Il suo impiego non richiederà da parte dell’operatore alcuna conoscenza o utilizzo di attività di programmazione.

56

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

La tastiera operatore comprenderà alcuni tasti funzionali liberamente configurabili ai quali saranno associate delle aree di impianto e i relativi allarmi gravi: mediante questi tasti sarà possibile richiamare direttamente le diverse aree di impianto. 11.3.3 STAMPE Sarà possibile la realizzazione di stampe relative a:  stampe di allarmi: la stampa avverrà automaticamente senza l’intervento dell’operatore; il tabulato fornirà sia l’informazione di avvenuto allarme, che quella del riconoscimento e del rientro dell’allarme stesso; ogni log di allarme conterrà le seguenti informazioni: - data e ora - descrizione - avvenuto/cessato/riconosciuto  stampe di report: saranno previsti report orari, per turno, giornalieri.  stampe su richiesta: sarà possibile la stampa di particolari reports su richiesta dell’operatore (report on demand).  stampe su evento: sarà prevista la stampa automatica di report in presenza di particolari eventi.

11.4

SOTTOSISTEMA DI COMUNICAZIONE

Il sottosistema di comunicazione fra il sottosistema di controllo e il sottosistema di supervisione è stato previsto doppio in tutte le sue componenti, essendo in grado ciascuna unità di assolvere compiutamente le funzioni previste. La rete locale di comunicazione avrà le seguenti caratteristiche:  riconfigurazione automatica (trasparente all’operatore al variare del numero di nodi collegati);  segnalazione alle stazioni operatore del trasferimento automatico della comunicazione dal bus in avaria a quello di ridondanza;  numero di unità collegabili >150;  possibilità per ogni unità di essere collegata o scollegata senza interferire sulle altre unità inserite sui bus;  distanza ammissibile tra due diversi apparati collegati in rete >3 km. Tutte le apparecchiature, in modo particolare i sistemi di controllo e le stazioni di supervisione, saranno collegate direttamente alla rete di comunicazione (LAN) ridondante e potranno scambiarsi i dati.

11.5

SOTTOSISTEMA DI CONTROLLO DELLA RETE ELETTRICA

Il sistema di controllo della rete elettrica sarà integrato nel DCS (sistema di controllo distribuito). Al DCS perverranno i segnali necessari per la corretta gestione della rete elettrica e per l’analisi dopo un guasto:  scatto delle protezioni elettriche che abbiano attinenza con l’operatività della rete;  memorizzazione nel registro cronologico degli aventi dei comandi di apertura e chiusura degli interruttori significativi per il funzionamento della rete elettrica.

P355/13 – R029/11 13.05.2011

57

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

Non è previsto che tramite il DCS si possa direttamente intervenire per comandare aperture e chiusure degli interruttori, in special modo per quel che riguarda le apparecchiature di alta tensione.

58

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

12 CRITERI DI SICUREZZA ELETTRICA 12.1

PROTEZIONE CONTRO LE TENSIONI DI CONTATTO DIRETTO

La protezione delle tensioni di contatto diretto sarà effettuata prevedendo innanzitutto adeguati isolamenti per tutte le parti in tensione, comprese le parti d’impianto di categoria 0 (servizi segnalazioni - telefoni) e racchiudendo le parti attive degli impianti, nonché le giunzioni e le morsettiere, entro apposite custodie. Le custodie saranno in metallo o in materiale plastico non propagante la fiamma. Il grado di protezione delle custodie (involucri dei quadri elettrici, scatole di derivazione, custodie interruttori - prese, ecc. ) sarà minimo :  IP 55 Per posa all’esterno degli edifici  IP 44 Per posa in ambienti bagnati o umidi  IP 4X Per posa in altri locali interni N.B.: per realizzare l’accoppiamento di parti, nel rispetto del prescritto grado di protezione si richiede la adozione di idonei accessori.

12.2

PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI

Saranno protette contro i contatti indiretti tutte le parti metalliche accessibili dell'impianto elettrico e degli apparecchi utilizzatori, normalmente non in tensione ma che, per cedimento dell'isolamento principale o per altre cause accidentali, potrebbero trovarsi sotto tensione (masse). All’impianto di terra saranno collegati tutti i sistemi di tubazioni metalliche accessibili destinati ad adduzione, distribuzione e scarico delle acque, nonché tutte le masse metalliche accessibili di notevole estensione esistenti nell'area dell'impianto elettrico utilizzatore stesso. Tale protezione sarà realizzata in conformità alle prescrizioni della Norma CEI 64-8/4 art. 413 e 481.3 esclusivamente secondo le modalità :  mediante interruzione automatica dell’alimentazione;  mediante componenti di Classe II o con isolamento equivalente;  mediante separazione elettrica. Tutti i componenti di Classe II saranno accompagnati da certificazione oppure essere marchiati dal costruttore.

12.2.1 INTERRUZIONE AUTOMATICA DELL’ALIMENTAZIONE – DISTRIBUZIONE MT E AT Affinché sia garantita la protezione dai contatti indiretti a seguito di un guasto sulla media tensione; sarà verificata la relazione: Rt ⋅ Ig ≤ Utp dove:  Rt è il valore della resistenza di terra dell’impianto di dispersione;  Ig è il valore della corrente di guasto a terra fornito dalla società elettrofornitrice;  t è il tempo di eliminazione del guasto, indicato dalla stessa società elettrofornitrice;  Utp è la massima tensione di contatto ammissibile ricavata, in funzione del tempo t, dalla figura 9.1 della Norma CEI 11-1

P355/13 – R029/11 13.05.2011

59

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

12.2.2 INTERRUZIONE AUTOMATICA DELL’ALIMENTAZIONE – DISTRIBUZIONE BT Ai fini della protezione contro i contatti indiretti per guasti a terra in B.T., tenendo conto che il sistema di distribuzione è di tipo TN-S, ai fini della protezione contro i contatti indiretti occorre soddisfare la relazione imposta dalla Norma CEI 64-8 : Zs•• Ia ≤ 230 V dove :  Zs è l’impedenza dell’ anello di guasto che comprende la sorgente, il conduttore attivo fino al punto di guasto ed il conduttore di protezione tra il punto di guasto e la sorgente.  Ia è la corrente che provoca il funzionamento automatico del dispositivo di protezione, in ampere. I tempi massimi di interruzione per sistemi TN sono:  0,4 s per gli ambienti ordinari,  0,2 s per gli ambienti particolari Tempi di interruzione convenzionali non superiori a 5 s sono ammessi per i circuiti di distribuzione. Quando il dispositivo di protezione è un dispositivo di protezione a corrente differenziale, Ia è la corrente nominale differenziale Idn. 12.2.3 PROTEZIONE MEDIANTE COMPONENTI ELETTRICI DI CLASSE II La protezione sarà assicurata con l’uso di componenti elettrici dei tipi seguenti, che siano stati sottoposti alle prove di tipo e siano contrassegnati in accordo con le relative norme:  componenti elettrici aventi un isolamento doppio o rinforzato (componenti elettrici di classe II);  quadri prefabbricati aventi un isolamento completo ( Norma CEI 17-13/1 ). Questa misura e’ destinata ad impedire il manifestarsi di una tensione pericolosa sulle parti accessibili di componenti elettrici a seguito di un guasto nell’isolamento principale. Se l’involucro isolante è provvisto di porte o coperchi che possono essere aperti senza l’uso di una chiave o di un attrezzo, tutte le parti conduttrici, che sono accessibili quando una porta o un coperchio sia aperto, si troveranno dietro una barriera isolante con un grado di protezione non inferiore a IPXXB che impedirà alle persone di venire in contatto con tali parti; questa barriera isolante sarà rimovibile solo con l’uso di un attrezzo. 12.2.4 PROTEZIONE MEDIANTE SEPARAZIONE ELETTRICA La protezione sarà assicurata da un trasformatore di sicurezza o da un sistema equivalente con separazione di protezione verso gli altri circuiti. I circuiti di comando saranno realizzati tramite un sistema a bassissima tensione di sicurezza (SELV) senza alcun punto collegato a terra.

12.3

PROTEZIONE DELLE SOVRACORRENTI

CONDUTTURE

CONTRO

LE

Tutte le condutture saranno protette dai sovraccarichi, comprese quelle che alimentano eventuali utilizzatori termici o apparecchi d’illuminazione, con la sola esclusione dei circuiti la cui interruzione potrebbe dar luogo a pericolo per le persone. Tra la corrente nominale dei dispositivi di protezione (In), la corrente di impiego del circuito (Ib), la portata delle condutture protette (Iz) e la corrente convenzionale di intervento delle protezioni (If), dovranno essere verificate le seguenti relazioni:

60

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

If ≤ 1,45 Iz Ib ≤ In ≤ Iz Per gli interruttori automatici, rispondenti alle norme CEI 17-5 e CEI 23-3, la prima delle due relazioni scritte sopra è sempre soddisfatta e pertanto l’unica condizione da rispettare risulta essere Ib ≤ In ≤ Iz. Nel caso in cui la protezione sia affidata a fusibili, la combinazione delle due condizioni sopra riportate determina la necessità di soddisfare la relazione Ib ≤ In ≤ 0,906 ⋅ Iz. Tutte le condutture saranno protette contro i corto circuiti, con la sola esclusione dei circuiti di misura amperometrica. Le apparecchiature di protezione soddisferanno anche le seguenti condizioni:  avranno potere di interruzione uguale o superiore alla corrente di corto circuito (Icc) presunta nel punto di installazione;  il valore minimo della corrente di corto circuito a fine linea produrrà l’apertura dell’interruttore entro 5 secondi;  l’impulso termico lasciato transitare dall’interruttore, per i valori minimo e massimo della corrente di corto circuito, sarà sopportabile dalla conduttura in relazione alla sezione e al tipo di isolamento. Per la verifica del potere di interruzione, si riterranno valide le informazioni fornite dal costruttore degli interruttori, salvo la possibilità di richiedere i relativi certificati di collaudo. La corrente di corto circuito (Icc) nel punto di installazione dell’interruttore sarà quella permanente, calcolata con le usuali formule di elettrotecnica, ritenendo trascurabile l’effetto delle reattanze transitorie, e quindi delle componenti unidirezionali, ai fini delle sollecitazioni termiche. La verifica di tenuta all’impulso termico sarà fatta verificando la relazione I2 t < K2 S2 (CEI 64-8) dove:  I2 t è l’integrale di Joule, per la durata del corto circuito, della corrente lasciata transitare dell’interruttore, in A2 s  K è un coefficiente che tiene conto della natura del conduttore e del materiale isolante (CEI 11-17 art. 2.2.02)  S è la sezione del conduttore, in mm2 L’integrale di Joule sarà rilevato dalle curve caratteristiche dell’interruttore, per i valori minimo (Iccm) e massimo (IccM) della corrente di corto circuito. In mancanza di queste curve caratteristiche, il valore dell’integrale di Joule sarà calcolato considerando, per “t”, il tempo di intervento dell’interruttore corrispondente alle stesse correnti di corto circuito. Nelle verifiche delle protezioni dei sovraccarichi e dei corto circuiti delle condutture, si terrà conto della sezione più piccola delle condutture a valle del dispositivo di protezione (nel caso, dell’interruttore automatico).

P355/13 – R029/11 13.05.2011

61

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

13 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DOVUTO AL FULMINE Viene qui di seguito effettuata una valutazione del rischio dovuto al fulmine redatta sulla base delle informazioni attualmente in possesso. Tale valutazione dovrà essere ripetuta in sede di progetto esecutivo, utilizzando le informazioni più dettagliate di cui si sarà venuti in possesso.

13.1 









13.2

NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO CEI 81-10/1 (EN 62305-1): "Protezione contro i fulmini. Parte 1: Principi Generali" Aprile 2006; Variante V1 (Settembre 2008); CEI 81-10/2 (EN 62305-2): "Protezione contro i fulmini. Parte 2: Valutazione del rischio" Aprile 2006; Variante V1 (Settembre 2008); CEI 81-10/3 (EN 62305-3): "Protezione contro i fulmini. Parte 3: Danno materiale alle strutture e pericolo per le persone" Aprile 2006; Variante V1 (Settembre 2008); CEI 81-10/4 (EN 62305-4): "Protezione contro i fulmini. Parte 4: Impianti elettrici ed elettronici nelle strutture" Aprile 2006; Variante V1 (Settembre 2008); CEI 81-3 : "Valori medi del numero dei fulmini a terra per anno e per chilometro quadrato dei Comuni d'Italia, in ordine alfabetico." Maggio 1999

INDIVIDUAZIONE DELLA STRUTTURA DA PROTEGGERE

L 'individuazione della struttura da proteggere è essenziale per definire le dimensioni e le caratteristiche da utilizzare per la valutazione dell'area di raccolta. La struttura che si vuole proteggere coincide con un intero edificio a sé stante, fisicamente separato da altre costruzioni. Pertanto, ai sensi dell'art. A.2.1.2 della Norma CEI EN 62305-2, le dimensioni e le caratteristiche della struttura da considerare sono quelle dell'edificio stesso.

13.3

DATI INIZIALI

13.3.1 DENSITÀ ANNUA DI FULMINI A TERRA Come rilevabile dalla Norma CEI 81-3, la densità annua di fulmini a terra per kilometro quadrato nel comune di PIOMBINO in cui è ubicata la struttura vale : Nt = 1,5 fulmini/km² anno 13.3.2 DATI RELATIVI ALLA STRUTTURA La pianta della struttura è riportata nel disegno (Allegato Disegno della struttura).

62

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

La destinazione d'uso prevalente della struttura è: servizio - elettricità In relazione anche alla sua destinazione d’uso, la struttura può essere soggetta a :  perdita di vite umane In accordo con la Norma CEI EN 62305-2 per valutare la necessità della protezione contro il fulmine, deve pertanto essere calcolato :  rischio R1; Le valutazioni di natura economica, volte ad accertare la convenienza dell’adozione delle misure di protezione, non sono state condotte perché espressamente non richieste dal Committente. 13.3.3 DATI RELATIVI ALLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE La struttura è servita dalle seguenti linee elettriche:  Linea di energia: LINEA ENERGIA MT  Linea di energia: LINEA ENERGIA BT  Linea di segnale: LINEA SEGNALE Le caratteristiche delle linee elettriche sono riportate nell'Appendice Caratteristiche delle linee elettriche. 13.3.4 DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE DELLE ZONE Tenuto conto di:  compartimenti antincendio esistenti e/o che sarebbe opportuno realizzare;  eventuali locali già protetti (e/o che sarebbe opportuno proteggere specificamente) contro il LEMP (impulso elettromagnetico);  i tipi di superficie del suolo all'esterno della struttura, i tipi di pavimentazione interni ad essa e l'eventuale presenza di persone;  le altre caratteristiche della struttura e, in particolare il lay-out degli impianti interni e le misure di protezione esistenti; sono state definite le seguenti zone:  Z1: Aree Esterne  Z2: Aree interne Le caratteristiche delle zone, i valori medi delle perdite, i tipi di rischio presenti e le relative componenti sono riportate nell'Appendice Caratteristiche delle Zone.

13.4

CALCOLO DELLE AREE DI RACCOLTA DELLA STRUTTURA E DELLE LINEE ELETTRICHE ESTERNE

L'area di raccolta Ad dei fulmini diretti sulla struttura è stata valutata graficamente secondo il metodo indicato nella Norma CEI EN 62305-2, art.A.2, ed è riportata nel disegno (Allegato Grafico area di raccolta Ad). L'area di raccolta Am dei fulmini a terra vicino alla struttura, che ne possono danneggiare gli impianti interni per sovratensioni indotte, è stata valutata graficamente secondo il metodo indicato nella Norma CEI EN 62305-2, art.A.3, ed è riportata nel disegno (Allegato Grafico area di raccolta Am). Le aree di raccolta Al e Ai di ciascuna linea elettrica esterna sono state valutate analiticamente come indicato nella Norma CEI EN 62305-2, art.A.4. I valori delle aree di raccolta (A) e i relativi numeri di eventi pericolosi all’anno (N) sono riportati

P355/13 – R029/11 13.05.2011

63

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

nell'Appendice Aree di raccolta e numero annuo di eventi pericolosi. I valori delle probabilità di danno (P) per il calcolo delle varie componenti di rischio considerate sono riportate nell'Appendice Valori delle probabilità P per la struttura non protetta.

13.5

VALUTAZIONE DEI RISCHI

13.5.1

RISCHIO R1: PERDITA DI VITE UMANE

13.5.1.1 Calcolo del rischio R1 I valori delle componenti ed il valore del rischio R1 sono di seguito indicati. Z1: Aree Esterne RA: 1,86E-06 Totale: 1,86E-06 Z2: Aree Interne RB: 1,59E-04 RC: 1,59E-04 RM: 2,45E-05 RU(linee potenza): 1,40E-06 RV(linee potenza): 1,40E-06 RW(linee potenza): 1,40E-06 RZ(linee potenza): 3,56E-05 Totale: 3,82E-04 Valore totale del rischio R1 per la struttura: 3,84E-04

13.5.1.2 Analisi del rischio R1 Il rischio complessivo R1 = 3,84E-04 è maggiore di quello tollerato RT = 1E-05, occorre adottare idonee misure di protezione per ridurlo. La composizione delle componenti che concorrono a formare il rischio R1, espressi in percentuale del valore di R1 per la struttura, è di seguito indicata. Z1 - Aree Esterne RD = 0,4834 % RI = 0 % Totale = 0,4834 % RS = 0,4834 % RF = 0 % RO = 0 % Totale = 0,4834 % Z2 - Aree Interne RD = 82,7516 %

64

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

RI = 16,7649 % Totale = 99,5166 % RS = 0,365 % RF = 41,7408 % RO = 57,4108 % Totale = 99,5166 % dove: RD = RA + RB + RC RI = RM + RU + RV+ RW + RZ RS = RA + RU RF = RB + RV RO = RM + RC + RW + RZ essendo:  RD il rischio dovuto alla fulminazione diretta della struttura  RI il rischio dovuto alla fulminazione indiretta della struttura  RS il rischio connesso alla perdita di esseri viventi  RF il rischio connesso al danno fisico  RO il rischio connesso all’avaria degli impianti interni. I dati sopra indicati, evidenziano che il rischio R1 per la struttura si verifica essenzialmente nelle seguenti zone: Z2 - Aree Interne (99,5166 %)  in gran parte per avaria degli impianti interni  a causa principalmente della fulminazione diretta della struttura  il contributo principale al valore del rischio R1 nella zona è dato dalle seguenti  componenti di rischio: RB = 41,5768 % Danno fisico per fulminazione diretta della struttura RC = 41,5768 % Avaria degli impianti interni per fulminazione diretta della struttura

13.6

SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE

Per ridurre il rischio R1 a valori non superiori a quello tollerabile RT = 1E-05, è necessario agire sulle seguenti componenti:  RB nelle zone: Z2 - Aree Interne  RC nelle zone: Z2 - Aree Interne  RM nelle zone:

P355/13 – R029/11 13.05.2011

65

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc



Z2 - Aree Interne RZ nelle zone: Z2 - Aree Interne

adottando una o più delle possibili misure di protezione seguenti:  per la componente B: 1) LPS 2) Mezzi e impianti di rivelazione e/o estinzione incendio, compartimenti antincendio  per la componente C: 1) Sistema di SPD  per la componente M: 1) Sistema di SPD 2) Schermatura totale o parziale della struttura 3) Schermatura e/o disposizione dei circuiti interni 4) Aumento tensione di tenuta apparecchiature  per la componente Z: 1) Sistema di SPD 2) Aumento tensione di tenuta apparecchiature Tenuto conto della fattibilità tecnica, in relazione anche ai vincoli da rispettare, per la protezione della struttura in esame sono state scelte le misure di protezione seguenti:  

dotare l'edificio di un LPS di classe I (Pb = 0,02) nella zona Z2 - Aree Interne: Impianto interno: linee potenza - Sistema di SPD - livello: Altro (3x - Pspd = 0,001)



Sulla Linea L1 - LINEA ENERGIA MT: - SPD arrivo linea - livello: Altro (3x - Pspd = 0,001) Sulla Linea L2 - LINEA ENERGIA BT: - SPD arrivo linea - livello: I Sulla Linea L3 - LINEA SEGNALE: - SPD arrivo linea - livello: I

 

Non è stata effettuata l'analisi relativa al rischio R4, poiché il committente ha espressamente rinunciato a far valutare l'opportunità, dal punto di vista economico, di installare misure di protezione finalizzate a ridurre l'entità di eventuali danni dovuti ai fulmini. L’adozione di queste misure di protezione modifica i parametri e le componenti di rischio. I valori dei parametri per la struttura protetta sono di seguito indicati. Zona Z1: Aree Esterne Pa = 1,00E+00

66

P355/11 – R029_11 – 13.05.2011

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto Relazione tecnica impianto elettrico generale elettrico generale.doc

Pb = 0,02 Pc = 1,00E+00 Pm = 1,00E+00 ra = 0,01 rp = 1 rf = 0 h=1 Zona Z2: Aree inerterne Pa = 1,00E+00 Pb = 0,02 Pc (linee potenza) = 1,00E-03 Pc = 1,00E-03 Pm (linee potenza) = 1,00E-03 Pm = 1,00E-03 Pu (linee potenza) = 1,00E-03 Pv (linee potenza) = 1,00E-03 Pw (linee potenza) = 1,00E-03 Pz (linee potenza) = 1,00E-03 ra = 1 rp = 1 rf = 1 h=1 Rischio R1: perdita di vite umane I valori delle componenti di rischio per la struttura protetta sono di seguito indicati. Z1: Aree Esterne RA: 1,86E-06 Totale: 1,86E-06 Z2: Aree inerterne RB: 3,18E-06 RC: 1,59E-07 RM: 1,23E-06 RU(linee potenza): 7,00E-08 RV(linee potenza): 7,00E-08 RW(linee potenza): 7,00E-08 RZ(linee potenza): 1,78E-06 Totale: 6,56E-06 Valore totale del rischio R1 per la struttura: 8,42E-06

P355/13 – R029/11 13.05.2011

67

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA CENTRALE ELETTRICA A BIOMASSE VERGINI NEL COMUNE DI PIOMBINO (LI) R029_11 Relazione tecnica impianto elettrico Relazione tecnica impianto elettrico generale generale.doc

13.7

CONCLUSIONI

A seguito dell'adozione delle misure di protezione (che devono essere correttamente dimensionate) vale quanto segue. Rischi che non superano il valore tollerabile: R1 SECONDO LA NORMA CEI EN 62305-2 LA STRUTTURA E' PROTETTA CONTRO LE FULMINAZIONI.

13.8

APPENDICI

13.8.1 APPENDICE - CARATTERISTICHE DELLA STRUTTURA Dimensioni: vedi disegno Coefficiente di posizione: in area con oggetti di altezza uguale o inferiore (Cd = 0,5) Schermo esterno alla struttura: assente Densità di fulmini a terra (fulmini/km² anno) Nt = 1,5 13.8.2 APPENDICE - CARATTERISTICHE DELLE LINEE ELETTRICHE Caratteristiche della linea: LINEA ENERGIA MT La linea ha caratteristiche uniformi lungo l’intero percorso. Tipo di linea: energia - interrata Lunghezza (m) Lc = 1000 Resistività (ohm x m) ρ = 300 Coefficiente di posizione (Cd): isolata Coefficiente ambientale (Ce): rurale Schermo collegato alla stessa terra delle apparecchiature alimentate: 5 < R

Suggest Documents